BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Diretta/ Cesena-Inter (risultato finale 0-1) live: gol di Icardi su rigore, espulso Leali! (oggi 26 ottobre 2014, Serie A)

La diretta di Cesena Inter: risultato live e cronaca della partita valida per l'ottava giornata del campionato di Serie A 2014-2015. Si gioca oggi pomeriggio alle ore 18 allo stadio Manuzzi

Foto Infophoto Foto Infophoto

Risultato finale: Cesena 0 Inter 1. Ma i nerazzurri non hanno convinto granchè. La partita si sblocca grazie a una situazione quantomeno dubbia che costringe anche gli avversari a giocare il resto della partita in 10 uomini. Ma questo non si è notato, perchè il gol avrebbe anche potuto starci. I tre punti, però, sono decisamente consolatori 

Risultato che cambia anche a Cesena grazie al calcio di rigore trasformato da Mauro Icardi che porta in vantaggio l'Inter. Risultato che ora arride ai nerazzurri, Cesena 0, Inter 1. Ma le polemiche sono dietro l'angolo perchè oltre ad aver punito il fallo di Leali su Palacio con il penalty, l'arbitro ha estratto il cartellino rosso ed ora il Cesena dovrà giocare quasi tutta la partita in dieci uomini contro undici. E in svantaggio 

Risultato ancora fermo sullo 0-0, ma l'ondata offensiva nerazzurra che si era abbattuta sulla difesa del Cesena nei primi minuti sembra essersi calmata. L'Inter ci ha provato - anche se in modo un po' pasticciato - con tanta foga, ma il Cesena si è chiuso bene e gli avanti nerazzurri sono sembrati tatticamente ancora un bel po' confusi. Negli ultimi minuti i padroni di casa si sono fatti sotto e hanno guadagnato un angolo (copertura di Dodò su un bel tentativo di Marilungo). Ammonito Garritano per una vistosa trattenuta su Hernanes. La partita continua... 

Diretta Cesena-Inter: sono state comunicate le formazioni ufficiali della partita di Serie A tra bianconeri di Romagna e nerazzurri, che sta per cominciare allo stadio Dino Manuzzi. 1 Leali; 25 Capelli, 14 Volta, 6 Lucchini, 33 Renzetti; 34 Cascione, 8 De Feudis, 5 Giorgi; 61 Garritano; 18 Djuric, 89 Marilungo A disposizione: 30 Agliardi, 2 Nica, 3 Mazzotta, 7 Carbonero, 9 Rodriguez, 15 Krajnc, 17 Magnusson, 19 Succi, 24 Perico, 27 Hugo Almeida, 77 Ze Eduardo, 81 Bressan Allenatore: Pierpaolo Bisoli 1 Handanovic; 14 Campagnaro, 23 Ranocchia, 5 Juan Jesus; 20 Obi, 88 Hernanes, 18 Medel, 10 Kovacic, 22 Dodò; 8 Palacio, 9 Icardi A disposizione: 30 Carrizo, 46 Berni, 6 Andreolli, 15 Vidic, 17 Kuzmanovic, 25 Mbaye, 28 Puscas, 29 Camara, 44 Krhin, 97 Bonazzoli Allenatore: Walter Mazzarri Arbitro: Mazzoleni 

Diretta Cesena-Inter: l'arbitro designato per la partita dello stadio Manuzzi è il signor Paolo Mazzoleni di Bergamo, di professione antiquario. Nato il 12 giugno 1974 ha debuttato nella massima serie in Reggina-Livorno del 2004; è stato l'arbitro della prima partita con i giudici di porta nel calcio italiano: la Supercoppa Italia Juventus-Napoli disputata a Pechino l'11 agosto 2012 (4-2 per i bianconeri). Mazzoleni conta oltre 115 presenze in Serie A; in Cesena-Inter sarà assistito dai guardalinee Marco Musolino di Taranto e Giuseppe De Pinto di Bari, dal quarto uomo Alessandro Giallatini di Roma 2 e dagli addizionali Marco Guida di Torre Annunciata e Luigi Nasca di Bari. 

Diretta Cesena-Inter: Pierpaolo Bisoli sembra orientato verso il modulo 4-3-1-2: tre giocatori offensivi potranno sfruttare meglio le eventuali disattenzioni difensive dell'Inter che nelle ultime partite ha sempre concesso qualcosa in più del dovuto agli avversari. In tal senso sarà importante il ruolo di Medel a protezione della retroguardia, e il movimenti ad elastico dei due interni di centrocampo: a Kovacic ed Hernanes è richiesta inventiva nelle giocate offensive ma anche una corsa continua, per non lasciare troppo solo il Pitbull nella propria trequarti. Per una maggiore copertura il Cesena potrebbe arretrare il trequartista, presumibilmente l'ex Garritano, su una delle due fasce allargando Giorgi sull'altra, per formare un più prudente 4-4-2. Sfide sugli esterni: Dal verve offensiva di Dodò potrebbe mettere in difficoltà Capelli, ma attenzione anche a Renzetti che potrebbe costringere Joel Obi sulla difensiva. 

L’Inter tornerà in campo domenica sera alle ore 18.00 per affrontare il Cesena in trasferta, in terra romagnola. Sarà una gara complicata per la compagine nerazzurra anche se il clima all’interno della spogliatoio meneghino non rispecchierà quello atmosferico. Stando a quanto riportato dal sito ufficiale della Lega Serie A con l’aiuto di 3bmeteo, in Romagna è previsto sereno con il cielo terso e completamente privo di nuvole. Nessuna precipitazione è quindi in programma domenica sera e anche la temperatura sarà decisamente interessante. Il match inizierà alle ore 18.00 con 15,9 gradi centigradi per chiudersi attorno alle 20 con 13,1 gradi. L’umidità non sarà esagerata e si assesterà attorno al 64% mentre il vento che soffierà sarà Maestrale. 

Alle ore 18 di questo pomeriggio lo stadio Dino Manuzzi ospita Cesena-Inter, partita valida per l’ottava giornata del campionato di Serie A 2014-2015. Si tratta di una sfida tra una squadra che punta alla salvezza come primo e unico obiettivo della stagione (e i 6 punti che ha raccolto finora sono lì a dimostrarlo); e un’altra che invece pensa ancora di poter raggiungere lo scudetto ma più realisticamente guarda a un ingresso nelle prime tre posizioni della classifica, il che vorrebbe dire tornare a giocare la Champions League (anche se magari attraverso i playoff). L’arbitro è Paolo Silvio Mazzoleni che non arbitra l’Inter dal 2-2 contro il Bologna dello scorso campionato, quando Mauro Icardi realizzò una doppietta e Milito sbagliò un rigore; per quanto riguarda i precedenti di questa partita, l’Inter è in totale vantaggio: in 15 partite giocate al Manuzzi ci sono 8 vittorie nerazzurre, 6 pareggi e una sola vittoria del Cesena, che risale al 21 agosto 1983 quando in Coppa Italia finì 1-0. La vittoria più larga è il 5-1 del 9 dicembre 1990, il pareggio invece è anche piuttosto recente e risale alla stagione 1998-1999, uno 0-0 di fine settembre. Per quanto riguarda l’ultimo incrocio assoluto, si è verificato il 18 dicembre 2011: a vincere è stata l’Inter per 1-0, con un gol di Andrea Ranocchia appena prima della metà del secondo tempo. Non mancano i doppi ex di questa partita: uno dei più recenti  risponde al nome di Luis Jimenez, il cileno che per due stagioni ha giocato con la maglia dell’Inter e poi è stato a Cesena raggiungendo una brillante salvezza anche grazie ai suoi 9 gol. L’anno seguente al Manuzzi arrivò Adrian Mutu, che era passato giovanissimo dalla Pinetina e infatti non aveva lasciato troppe tracce; a Cesena non riuscì a imporsi come il suo talento avrebbe indicato e la squadra, pur rinforzata sulla carta, retrocesse. Ma c’è anche Yuto Nagatomo, portato in Italia dal Cesena e preso dall’Inter dopo soli sei mesi a fronte di ottime prestazioni.  Appartengono agli anni Ottanta altri due doppi ex: Alessandro Bianchi è stato l’ala destra dello scudetto dei record sotto la guida di Giovanni Trapattoni ed è rimasto all’Inter fino al 1996, in precedenza aveva giocato due stagioni a Cesena dove era cresciuto. Poi Adriano Piraccini: centrocampista di talento lui pure prodotto del vivaio romagnolo, alla prima squadra ha regalato sei stagioni più altre otto a fine carriera, in mezzo anche due anni all’Inter dove ha giocato con continuità. Appese le scarpette al chiodo è stato prima responsabile del settore giovanile del Cesena e poi, per due stagioni, allenatore della Primavera. Il Cesena finora ha vinto una sola partita in campionato. Risale alla prima giornata, quando un gol di Alejandro Rodriguez ha permesso di battere il Parma. Da allora sono arrivati tre pareggi e tre sconfitte, ultima delle quali sul campo del Palermo; tutto sommato l’inizio di stagione non è andato nemmeno malissimo, considerato che ci sono i pareggi contro il Milan e a Udine che non erano troppo nelle previsioni. I romagnoli possono senza dubbio centrare la salvezza; hanno una rosa attrezzata con giocatori in cerca di riscatto (lo sfortunatissimo Marilungo), elementi esperti come Cascione e Volta e giovani che vogliono mettersi in mostra come Nicola Leali, di proprietà della Juventus, e Luca Garritano che è dell’Inter (oltre a Gregoire Defrel). E’ arrivato anche Hugo Almeida che potrebbe essere pronto per la prossima settimana; chissà che non possa dare una mano alla fase offensiva, in questo momento il piatto piange e parla di appena 6 gol realizzati (di cui 4 in casa) a fronte di 12 subiti. Il dato positivo si riferisce appunto alle reti incassate al  Manuzzi: sono soltanto 3. L’Inter vivrà oggi la prima giornata di campionato senza la sua storica famiglia: l’addio da presidente onorario  Massimo Moratti, del figlio Angelomario (vice presidente) e dei membri del CdA in quota alla famiglia è stato uno scossone (avvenuto nel pomeriggio di giovedi) che ha colto un po’ di sorpresa, anche se si mormora che le dimissioni fossero più o meno annunciate da quando Moratti senior aveva pronunciato le parole su Walter Mazzarri che poi il tecnico toscano ha lavato via con un colpo di spugna riferendo di non avere tempo per pensarci. Si apre dunque una nuova era, come già si era aperta con l’avvento di Erick Thohir; adesso però conta soltanto fare i risultati, perchè in campionato i nerazzurri non vincono dal 2-0 all’Atalanta del 24 settembre; da allora due sconfitte e un pareggio ripreso (due volte) per i capelli in casa contro il Napoli. La classifica dice che i punti sono 9: 10 di distanza dalla vetta della classifica, e già 6 dal terzo posto che rappresenta la quota Champions League. Battere il Cesena diventa quasi un obbligo per rilanciarsi e proseguire la strada verso l’obiettivo. A noi non resta dunque che dare la parola al campo, mettersi comodi e restare in attesa del verdetto: la diretta di Cesena-Inter, valida per l’ottava giornata del campionato di Serie A 2014-2015, sta per cominciare…