BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Torino-Parma (1-0): Fantacalcio, i voti della partita. I top e flop (Serie A 2014-2015, 9^ giornata)

Foto Infophoto Foto Infophoto

LE PAGELLE DEL TORINO

J.F. GILLET 6 Nella norma; rischia la frittata nel primo tempo, esce bene su Acquah nel secondo (appena dopo lo salva il palo).

MAKSIMOVIC 6,5 Aiutato anche dal fatto che rimane tranquillo per tutta la partita, senza venire attaccato. Ma è sempre attento e sicuro.

GLIK 6 Prende due botte alla caviglia, ma tra la prima e la seconda passa tutta una partita; resta in campo nonostante il dolore, limitato forse ma efficace. (82’ JANSSON sv)

E. MORETTI 7 E’ lui a dare vigore alla difesa comandando con autorità, chiudendo su tutti e vincendo di fisico i duelli con gli avversari. 

BRUNO PERES 6 A spizzichi e bocconi, ma sta crescendo e infatti ora gioca lui. Troppo a corrente alternata però. 

GAZZI 6 Poteva stare in panchina, ha giocato e ha fatto il suo con la consueta grinta.

VIVES 6,5 Il solito metronomo a centrocampo, dirige bene l’orchestra pur senza fare nulla di trascendentale. (92’ RUBEN PEREZ sv)

EL KADDOURI 5 Ancora troppo timido, dovrebbe essere il faro del Torino ma di fatto gioca sulle punte come se avesse paura di rovinare qualcosa. 

(68’ SANCHEZ MINO 5,5 Fa il suo e aggiunge pericolosità, ma nel finale sciupa un’occasione clamorosa)

DARMIAN 7 Decide la partita con un bel tiro e nel primo tempo è il migliore. Nella ripresa cala vistosamente, ma ha già timbrato il cartellino. 

QUAGLIARELLA 6 Rigenerato dalla maglia granata prova a inventarsi un paio di magie ma non ha fortuna. Prestazione nel complesso sufficiente.

AMAURI 5,5 Meno bene del compagno di squadra, quando si nota di più è sulle punizioni avversarie che respinge con costanza. Si impegna, ma non arriva alla sufficienza. 

All. VENTURA 6 Ormai conosce a menadito i suoi e sa cosa chiedere loro; arriva una vittoria senza sprecare troppe energie, forse la cosa più importante. Per il gioco spumeggiante dello scorso anno bisognerà ripassare, ma intanto la classifica migliora.