BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Torino-Parma (1-0): Fantacalcio, i voti della partita. I top e flop (Serie A 2014-2015, 9^ giornata)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

LE PAGELLE DEL PARMA

MIRANTE 5,5 Un’indecisione fatale sul tiro di Darmian: si stende troppo lentamente e la palla entra. Peccato, per il resto non aveva certo demeritato. 

RISPOLI 6,5 Premiato perchè dopo aver iniziato contratto e aspettando Darmian riesce a fare quello che vuole nel finale, garantendo una spinta costante. 

SANTACROCE 6 Perfetto fino a che non finisce le energie e si trova davanti un Torino che fin lì lo aveva impensierito poco, sostituito. (77’ PEDRO MENDES sv)

FELIPE 6 Lotta come un leone e più o meno pareggia contro Amauri. 

COSTA 6,5 Prestazione di sostanza, ha il compito di fermare Quagliarella e ci riesce tanto che lo stabiese deve inventarsi acrobazie per provare a segnare. 

GOBBI 5 Non garantisce il solito contributo, è stanco e forse gli manca anche qualcosa a livello di brillantezza. 

ACQUAH 5,5 Sbaglia un gol fattibile, ma è bravo anche Gillet. Corre tanto, come al solito, poco lucido però quando deve impostare. 

LODI 4,5 Che fine ha fatto il vero Lodi? Questo è lontano parente del brillante regista di Catania. Non organizza, non detta i tempi, gira a vuoto in mezzo al campo. 

J. MAURI 6 Dovrebbe scatenarsi negli spazi, invece si ritrova a fare il mediano e spezzare il gioco altrui. Non la sua partita. 

(61’ M. CODA 6,5 Ha la più grande occasione della partita per il Parma ma centra il palo di testa. Giusto annullargi il gol, ma lui era lì). 

BELFODIL 5 Anche lui delude, anche lui lontano dagli standard di due anni fa. Sembra involuto: non è veloce, non salta l’uomo, non appoggia i compagni. Mistero. (86’ GHEZZAL sv)

CASSANO 6 Predica nel deserto e alla lunga anche lui sfiorisce. Ma l’assist per Acquah è una delizia, e gli unici lampi arrivano dal numero 99. 

All. DONADONI 6 La classifica piange, le sconfitte in fila sono sei, la prestazione non è niente di che; ma il Parma di oggi è questo e lui sta provando a fare il massimo con quanto ha a disposizione, cioè la difesa titolare fuori, un centrocampo tutto nuovo e l’assenza di Biabiany. Non merita l’esonero - dovesse mai arrivare.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.