BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Sara Cardin/ Karate, chi è l'azzurra campionessa del Mondo dei 55 kg

L'azzurra Sara Cardin ha vinto la medaglia d'oro ai Mondiali di karate disputati a Brema nella categoria 55 kg. La scheda: Sara, 27 anni trevigiana, quest'anno ha vinto anche gli Europei

Sara Cardin festeggia la sua medaglia d'oro (dal profilo Facebook) Sara Cardin festeggia la sua medaglia d'oro (dal profilo Facebook)

Sara Cardin ha regalato sabato una grande gioia al karate italiano. L'atleta del Centro Sportivo Esercito (ha il grado di caporale), 27 anni di Ponte di Piave in provincia di Treviso, si è infatti laureata campionessa del Mondo nella categoria dei 55 kg nel corso dei Mondiali di questa notissima arte marziale che si sono disputati a Brema, in Germania. Il 2014 è stato davvero trionfale per Sara, che qualche mese fa a Tampere (Finlandia) aveva vinto la medaglia d'oro pure agli Europei e dunque al momento è indiscutibilmente l'atleta più forte in circolazione nella sua categoria. Sara Cardin ha mostrato classe ed eleganza prima nei vari incontri di qualificazione – cinque dal primo turno alla semifinale – che le hanno permesso di raggiungere la finale e poi anche nella sfida decisiva, vinta a discapito della francese Emilye Thouy con il punteggio di 3 a 2. Oltre all'oro di Sara, l'Italia ha raccolto a Brema anche un argento con Luigi Busà nei 75 kg maschili e due bronzi, con Laura Pasqua (61 kg femminili) e nella gara a squadre di Kata femminile. Sara aveva già vinto un argento mondiale nel 2011, mentre l'anno scorso era stata seconda agli Europei. Quest'anno ha scalato il gradino più alto del podio in entrambi i tornei, impreziosendo una carriera caratterizzata anche da 17 titoli italiani, di cui tre juniores, due cadetti, un esordienti, due a squadre giovanili, due a squadre seniores e due universitari. Questo è stato il commento di Sara subito dopo la vittoria: “Un oro che premia il grande sacrificio e senso di rispetto per questa disciplina che purtroppo non ha lo stesso risvolto mediatico di tanti altri sport e che dedico al mio tecnico ed al Centro Sportivo Esercito, visto che lo scorso giugno mi ha offerto la possibilità di entrarne a far parte. Spero di conseguire altri importanti traguardi”.

© Riproduzione Riservata.