BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Diretta/ Udinese-Genoa (risultato finale 2-4) live: Grifone al quarto posto (oggi domenica 2 novembre 2014, Serie A 10^ giornata)

Diretta Udinese Genoa, risultato live e cronaca della partita valida per la decima giornata del campionato di Serie A 2014-2015. Si gioca oggi pomeriggio, domenica 1 novembre 2014, alle 15

Foto InfophotoFoto Infophoto

 Udinese-Genoa 2-4: il risultato finale dello stadio Friuli premia il Grifone che con la quarta vittoria nelle ultime cinque partite sale al quarto posto in classifica. Partita bellissima: l'Udinese sblocca dopo soli 24 secondi con Antonio Di Natale (gol numero 199 in Serie A) ed è solo il preludio a quello che succederà. Il Genoa infatti ha le energie giuste e pareggia con un gran gol di Giovanni Marchese, e dopo pochi minuti va avanti grazie a Iago Falque che sfrutta un'incursione di Edenilson generata da un brutto errore di Bruno Fernandes. Ancora nel primo tempo però i friulani hanno uno scatto d'orgoglio: Di Natale inventa, Widmer rifinisce ed è 2-2. Nella ripresa arrivano altri due gol: bello quello di Matri che gira al volo un suggerimento di Iago Falque con Perotti che con il suo movimento porta via un difensore all'attaccante lodigiano. Nel finale l'Udinese spinge alla ricerca del pareggio, ma la rete la trova Juraj Kucka con un gran destro dal limite dell'area. Per i friulani arriva la seconda sconfitta consecutiva, con ben sette gol subiti, mentre il Genoa per una sera - e anche di più - può sognare. 

Diretta Udinese-Genoa: all'87' minuto di gioco Udinese-Genoa 2-4. Gol di Juraj Kucka: gran destro del centrocampista slovacco che dal limite dell'area scaglia una conclusione perfetta, palla sotto l'incrocio dei pali e assolutamente nulla da fare per il portiere Karnezis. Partita chiusa. 

Diretta Udinese-Genoa: al 54' minuto di gioco cambia ancora il risultato, Udinese-Genoa 2-3. Quinto gol in campionato per Alessandro Matri, che dal centro dell'area gira in rete un passaggio rasoterra dalla fascia destra, con una gran conclusione di destro che tocca il palo interno ed entra in gol. 

Diretta Udinese-Genoa: al 41' minuto di gioco i padroni di casa riescono a pareggiare portando il risultato sul 2-2. Assist di Di Natale che serve l'inserimento di Silvan Widmer nel lato sinistro dell'area del Genoa, diagonale chirurgico del terzino svizzero e Perin è battuto imparabilmente. Bel primo tempo allo stadio Friuli. 

Diretta Udinese-Genoa: emozioni allo stadio Friuli. Dopo 23 secondi l'Udinese si è portata in vantaggio con Antonio Di Natale, freddo col destro nell'area piccola dopo una palla persa da Greco; per il capitano bianconero gol numero 199 in Serie A. Poi la reazione del Genoa: al 21' minuto Giovanni Marchese pareggia con un sinistro da antologia, palla colpita fuori area che si abbassa giusto nell'angolino alto alla sinistra di un incolpevole Karnezis. Al 23' a segno anche lo spagnolo Iago Falque: errore di Bruno Fernandes che su cross dalla sinistra appoggia all'indietro di petto verso il portiere, si inserisce Edenilson che con la punta anticipa Karnezis in uscita, nel rimpallo la sfera capita a Falque che pur cadendo la tocca in rete. 

Diretta Udinese-Genoa: le formazioni ufficiali delle due squadre pronte ad affrontarsi sul prato dello stadio Friuli. Udinese (4-3-2-1): Karnezis; Widmer, Heurtaux, Danilo, Piris; Guilherme, Allan, Bruno Fernandes; Kone; Théréau, Di Natale. A disposizione: Scuffet, Meret, Domizzi, Belmonte, Bubnic, Pasquale, Badu, Pinzi, Zapata, Muriel, Geijo, Evangelista Allenatore: Andrea Stramaccioni. Genoa (3-4-3): Perin; Roncaglia, De Maio, Marchese; Edenilson, Sturaro, Greco, Antonini; Iago Falque, Matri, Perotti A disposizione: Lamanna, Prisco, Burdisso, Antonelli, Rosi, Mandragora, Bertolacci, Pinilla, Lestienne, Kucka, Mussis Allenatore: Gasperini. Arbitro: Irrati 

La partita tra Udinese e Genoa si preannuncia molto interessante e ci si attendono diverse occasioni da gol da ambedue le parti. Per quanto concerne la chiave tattica i friulani proveranno fin dal primo minuto ad imporre il proprio gioco ed il proprio ritmo agli avversari. Il 4-4-2 a rombo studiato da Andrea Stramaccioni è stato studiato per coprire bene ogni zona del campo i modo da essere sempre equilibrati senza rinunciare ad offendere con decisione innescando il solito Totò Di Natale. Il Genoa viene dall'entusiasmate successo sulla Juventus e vuole confermarsi. I ragazzi di Gian Piero Gasperini sono chiamati a fare una gara molto attenta difensivamente e cinica in fase offensiva, dove Pinilla e Matri dovranno essere abili a sfruttare i palloni che gli arriveranno. 

"Voglio vedere la personalità nei miei ragazzi". Così Andrea Stramaccioni, allenatore friulano, ha presentato Udinese-Genoa. "Gasperini è molto bravo; riesce sempre a rendere duttili le sue squadre, le plasma a seconda dell'impegno e so già che ci farà soffrire. Noi però non temiano contraccolpi dalla sconfitta di Firenze: stiamo acquisendo personalità e voglio vederla confermata sul campo". Riuscirà l'Udinese a tornare alla vittoria o il Genoa proseguirà nel suo momento positivo, dando seguito alla bella vittoria ottenuta contro la Juventus?. 

Al Friuli (in fase di costruzione) l’Udinese di mister Andrea Stramaccioni ospita il Genoa di Gian Piero Gasperini, capace nell’ultimo turno di sgambettare a tempo scaduto la Juventus. Bellissima domenica a Udiense, con cielo limpidissimo e il sole che splenderà alto in cielo. Gradevolissime anche le temperatura, che vanno d auna minima di 17.6°C a una massima di 18.4°, mentre l’umidità è data al 63%. Chiudiamo con il vento: l’Ostro soffierà impercettibilmente. 

Si gioca oggi pomeriggio alle ore 15 Udinese-Genoa, partita valida per la decima giornata del campionato di Serie A 2014-2015. La sfida è molto interessante e in questo momento mette in palio addirittura un posto in Europa League: i friulani infatti hanno 16 punti e sono nel gruppetto delle terze in classifica, mentre i rossoblu arrivano una lunghezza più sotto. Nessuna delle due sperava forse di trovarsi a questo punto della classifica, anche se la dimensione dell’Udinese negli ultimi anni (a parte la stagione appena passata) dice che l’Europa League è stata una realtà, ma un campionato incerto e senza vere antagoniste della coppia di testa ha fatto sì che uscisse questo scenario, e adesso ovviamente nessuna delle due squadre vuole mollare la presa. Per il Genoa questo è un campo difficile: sono quattro anni che non prende la posta piena al Friuli, fu Giandomenico Mesto che decise l’incontro del 2010-2011. Da quel momento il Genoa non ha più vinto: lo scorso anno ha perso 1-0 per un’autogol di Emanuele Calaiò, l’anno prima era finita 0-0. L’episodio più bello in tempi recenti risale invece al 2008, quando il Genoa vinse 5-3 con una tripletta di Marco Borriello che fu completata da Leon e Giuseppe Sculli. Il Genoa può vantare un 4-0 e un 4-2, ma nel 1957 ha subito un 5-1. Contro il Genoa è avvenuto l’esordio di Andrea Stramaccioni sulle panchine di Serie A: lo ha fatto a San Siro in un memorabile 5-4 a favore, con ben quattro rigori assegnati. Il Grifone porta bene al tecnico romano che ha una vittoria e due pareggi; mentre Gian Piero Gasperini contro l’Udinese (al Friuli) ha vinto due volte, pareggiato sempre due volte e perso in un’occasione. C’è invece soltanto un incrocio tra i due allenatori, che è datato 2012-2013 quando Gasperini era seduto sulla panchina del Palermo: vinse Stramaccioni, per 1-0. Non sono pochi i doppi ex della sfida: uno di questi l’abbiamo già nominato ed è Giandomenico Mesto, che a Udine ha giocato una sola stagione per poi trasferirsi al Genoa dove ha giocato per ben quattro anni. Doppio ex anche Damiano Ferronetti, ha vestito entrambe le maglie anche Antonio Floro Flores, che ha lasciato ottimi ricordi soprattutto a Marassi pur se con la maglia bianconera ha vissuto cinque stagioni (uno dei due prestiti rossoblu è arrivato in mezzo a questa esperienza). Tra gli allenatori dobbiamo citare Alberto Malesani e Pasquale Marino. Il laterale brasiliano Edenilson è stato acquistato dall’Udinese e poi girato in prestito al Genoa dove sta giocando una stagione piuttosto positiva. Ricordiamo anche Alexander Merkel, che però non ha avuto troppa fortuna nelle due piazze; e Giuseppe Gemiti, che era nella squadra allenata da Serse Cosmi - che raggiunse la promozione poi revocata nel 2005. Suo compagno di squadra, lui pure passato da Udine, era Mohamed Gargo. Tecnicamente doppio ex è Francesco Guidolin: il Genoa lo chiamò a guidare la squadra in Serie A, ma dopo la retrocessione d’ufficio il tecnico veneto decise di abbandonare l’incarico. L’Udinese ha perso le ultime due partite esterne che ha giocato. E’ caduto sul campo del Torino (0-1) e ha perso male contro la Fiorentina (0-3) nel turno infrasettimanale; questo ha impedito alla squadra di Andrea Stramaccioni di confermarsi nei primissimi posti della classifica, ma l’incertezza di cui parlavamo ha comunque contribuito alla conferma del terzo posto che oggi i friulani condividono con Milan e Sampdoria. Una stagione sorprendente da parte dei bianconeri, che sono partiti a spron battuto e hanno subito guadagnato posizioni; Stramaccioni gioca con un 4-4-2 che si stas rivelando piuttosto ermetico, fa eccezione la brutta trasferta di Firenze in cui la squadra ha accusato psicologicamente la rete subita al termine del primo tempo ed è crollata nella ripresa. La salvezza, che resta ufficialmente il primo e più importante obiettivo, dovrebbe comunque essere in archivio; si punterà al ritorno in Europa ma per quello ci sarà bisogno della crescita esponenziale degli attaccanti - Di Natale a parte - soprattutto Luis Muriel che al momento non sta garantendo il rendimento di cui sarebbe capace. Grande entusiasmo a Genova: la squadra arriva da tre vittorie consecutive, la perla è ovviamente rappresentata dal grande 1-0 centrato contro la Juventus che in campionato non perdeva da 15 partite. La rete di Antonini in pieno recupero ha scatenato il pubblico di Marassi che adesso sogna grandi traguardi; naturalmente anche la banda Gasperini ha nella salvezza il vero traguardo, ma sa bene che la corsa all’Europa potrebbe riguardare anche il Grifone qualora, come in questo inizio di campionato, le squadre più accreditate dovessero rallentare il loro cammino. Per ora funziona tutto bene: dalle parate di Mattia Perin a un centrocampo combattivo passando per Matri e Pinilla che stanno garantendo il loro fatturato in termini di reti; la stagione è ancora lunga e un calo di concentrazione è sempre possibile, ma certamente questo gruppo ha tanta qualità e può centrare risultati importanti. Non ci resta allora che stare a vedere come si concluderà questa sfida del Friuli; entrambe le squadre vogliono proseguire il loro momento favorevole, certamente l’Udinese ha la motivazione extra di dover vendicare una pesante sconfitta ma battere la capolista è sempre benzina extra nel motore e questo si potrebbe sentire anche oggi. E allora diamo la parola al campo per il suo verdetto e mettiamoci comodi: la diretta di Udinese-Genoa, partita valida per la decima giornata del campionato di Serie A 2014-2015, sta per cominciare…