BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Torino-Atalanta (0-0): Fantacalcio, i voti della partita. I top e flop (Serie A 2014-2015, 10^ giornata)

Foto InfophotoFoto Infophoto

Bellissimo intervento nel finale sulla punizione Farnerud che salva il risultato. Sempre attento e pulito nei suoi interventi.

Ottima prova di questo futuro avvocato, che gioca con grande personalità, comandando la difesa a dovere ed annullando gli attaccanti granata. Sfiora pure il gol con un colpo di testa nel finale di primo tempo.

Prestazione sufficiente. Mette tanta grinta, ma soprattutto sfrutta il suo poderoso fisico nei suoi interventi. Rischia tantissimo nella ripresa dopo una spinta su Moretti in area di rigore che poteva costargli davvero cara.

Prestazione sufficiente. Contiene bene insieme ai suoi compagni di reparto gli sterili attacchi dei granata.

Sfrutta tantissimo la sua corsa ed il suo fiato per far male al Torino in ripartenza. Davanti a sé si trova un osso duro come Darmian, ma tutto sommato se la cava bene.

Poco propositivo in fase offensiva e troppo molle in difesa contro un Peres scatenato. (DAL 71’ DEL GROSSO: S.V.)

Buona partita per il giovane talento atalantino. Lotta tantissimo in mezzo al campo ed è sempre al centro delle azioni della sua squadra. La sua carica in mezzo al campo non si esaurisce mai.

Risolve molte situazioni complicate in fase difensiva con interventi provvidenziali.

Partita insufficiente per il cileno. Gioca senza incidere in entrambe le fasi di gioco e nel finale si prende un’ammonizione evitabile.

Nel primo tempo prova a caricarsi la squadra sulle spalle, ma si intende poco con i compagni. Non riesce ad andare mai alla conclusione.

DAL 69’ BIANCHI 6: Entra carico in partita, ma non riesce a dare quel qualcosa in più all’attacco orobico.

Nel primo tempo è invisibile per demeriti suoi e dei compagni di squadra. Nella ripresa aiuta molto la squadra, anche in fase di non possesso. Detto ciò non conclude nemmeno una volta.

All. COLANTUONO 6: L’atteggiamento difensivo della sua squadra lo premia con un pareggio. Se avesse osato un po’ di più poteva puntare alla vittoria.

(Paolo Zaza)

© Riproduzione Riservata.