BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Milan-Inter (1-1): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2014-2015 12^giornata)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

(INFOPHOTO)  (INFOPHOTO)

Inter
Handanovic 6: ha temperamento e grande velocità negli interventi. Sul gol non ha colpe;
Nagatomo 6.5: gioca con grande intensità sulla corsia destra, saltando l'uomo e mettendo dentro tantissimi palloni. Da uno di questi nasce il gol del pari di Obi;
Ranocchia 6: ha grande fisicità e intelligenza nel leggere le intenzioni degli avversari. Bravo a guidare la difesa a quattro in mutamento;
Juan Jesus 5.5: soffre in diverse situazioni, senza riuscire a giocare con tranquillità. Un paio di errori in uscita quando gli avversari poi sono rapidi a entrare dentro l'area di rigore;
Dodò 5.5: gara fortemente condizionata da una botta al labbro di Muntari. Gioca come terzino e in fase difensiva non sbaglia molto. Davanti si fa vedere poco;
Guarin 6: E' l'unico che lotta su ogni pallone, coraggioso e generoso. Brancola nel buio. Gioca con grande intensità, senza però riuscire a trovare mai la porta;
Obi 6: trova un gol bello e importante, nonostante prima abbia fatto davvero poco. Risulta comunque decisivo; (72' Hernanes sv)
Kuzmanovic 6: gioca bene da interno, saltando l'uomo e cercando di dare inventiva alla squadra;
Kovacic 4: Irriconoscibile, schierato da Mancini nell'improbabile ruolo di ala sinistra. Gioca male, troppo largo e senza inventiva. Nella ripresa non migliora la sua prestazione, scendendo anche di condizione e di corsa. Mancini gli chiede uno sforzo fuori dalla sue capacità; (94' M'Vila sv)
Palacio 5: prova a muoversi, toccando pochi palloni e giocando spesso troppo largo e poco pericoloso;
Icardi 5: dopo otto minuti si divora un gol incredibile a tu per tu con Diego Lopez servito da Muntari clamorosamente. Poco incisivo, davanti non fa male all'avversario; (88' Osvaldo sv)

All. Mancini 6: nonostante l'Inter non faccia una grande gara si vede già la mano di Mancini che dovrà lavorare ancora molto.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.