BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cska Mosca-Roma/ Orario diretta tv, probabili formazioni e quote: ultime novità. I diffidati (Champions League 2014-2015, gruppo E)

Cska Mosca Roma orario diretta tv, probabili formazioni e quote: ultime novità sulla partita che si gioca all'Arena Khimki oggi pomeriggio alle ore 18. Champions League 2014-2015, gruppo E

Foto Infophoto Foto Infophoto

Nelle probabili formazioni di Cska Mosca-Roma bisognerà considerare con particolare attenzione i giocatori diffidati, che sarebbero costretti a saltare l'ultima partita (probabilmente fondamentale per la qualificazione) qualora dovessero ricevere un cartellino giallo nel corso della partita di questa sera. Per quanto riguarda il Cska, l'unico diffidato è il centrocampista finlandese Eremenko, mentre nella Roma abbiamo Maicon e Nainggolan. Tuttavia, come è noto il brasiliano non è stato convocato per la trasferta moscovita, quindi il centrocampista belga sarà l'unico giallorosso a rischio squalifica in caso di ammonizione. Sarebbe un'assenza molto pesante contro il Manchester City, dunque Radja dovrà stare molto attento. 

Le probabili formazioni di Cska Mosca-Roma sono ormai tracciate; pochi dubbi da parte di Leonid Slutski e Rudi Garcia, ma qualcosa potrebbe ancora cambiare. Cosa? Andiamo a vedere nello specifico alcuni possibili ballottaggi. Slutski pensa al 4-1-4-1: il gemello di Vasili (difensore centrale) sarebbe il giocatore perfetto per fungere da diga in mezzo al campo, rendendo più difficile la vita ai palleggiatori russi. Ma c’è un’altra soluzione, come già detto: quella di spostare Dzagoev in mediana così da avere più qualità e “superare” il problema provando a controllare maggiormente il gioco. Naturalmente in quel caso Wernbloom farebbe un passo indietro per affiancare il numero 10, mentre sull’esterno destro ci sarebbe l’inserimento di Tosic che è un esterno puro. Lasciando così Berezutski in panchina, a meno che non sia lui a giocare al posto di Wernbloom. C In tre per due maglie. Spieghiamo: Rudi Garcia non ha terzini destri di ruolo, dunque si deve adattare. Per quel posto Florenzi è il favorito per averci già giocato, ma c’è anche la mezza idea Nainggolan; dovesse essere il belga a giocare in difesa, servirebbe un uomo in più a centrocampo e allora tornerebbe utile Seydou Keita. E attenzione a Ljajic: con Florenzi terzino, il serbo è largamente favorito su Iturbe per andare a prendersi la posizione nel tridente offensivo, al fianco di Totti e Gervinho che sono invece certi del posto. 

Nelle probabili formazioni di Cska Mosca-Roma spiccano tanti nomi da tenere d'occhio; i protagonisti non sono certo pochi, e quindi abbiamo provato a sceglierne uno per parte, un elemento per ciascuna squadra che andrà tenuto particolarmente sotto la lente dei riflettori. Certo Doumbia ha segnato tre gol nelle ultime due partite, ma chi può davvero accendere la luce è Dzagoev. Classe '90, nella stagione dell'Europeo in Polonia e Ucraina era considerato l'astro nascente del calcio russo e non solo; da lì però si è un po' perso per strada, difficilmente collocabile tatticamente (soprattutto nel 4-4-2 di Capello) e incostante da par suo. Così ecco l'idea di Slutski: affidargli le chiavi della squadra spostandolo in mezzo al campo, dove può essere nel cuore della manovra e fare la differenza avendo piedi buoni e visione. Lontano dalla porta magari segnerà meno, ma la mossa può funzionare. L'emergenza lo spinge a ricoprire un ruolo che era stato suo in passato, ma al quale non è avvezzo da tempo: il terzino destro. Certamente può funzionare: Florenzi ha gamba, non si risparmia, anche quando è impiegato nel tridente offensivo ripiega per andare in contrasto, e soprattutto sa spingere su tutta la corsia. Dovrà stare attento quando in situazione di "stallo" sarà puntato, ma la corsa e l'appoggio che può garantire ci sono e Rudi Garcia spera di vincere la sua scommessa.

Le probabili formazioni di Cska Mosca-Roma sono pesantemente condizionate dagli assenti che non potranno prendere parte a questa delicata partita di Champions League. Il discorso vale soprattutto per i giallorossi, che devono fare i conti con ben sei assenze. L'elenco è noto: si va dai lungodegenti Balzaretti, Castan e Curci ai casi che hanno maggiormente fatto parlare negli ultimi giorni, cioè i recenti infortuni di Yanga-Mbiwa e Torosidis e la mancata convocazione di Maicon, che ancora non ha recuperato dai suoi problemi. Per quanto riguarda invece il Cska, sono due gli indisponibili: si tratta di Elm e Natchko.

Si gioca alle ore 18 di oggi all’Arena Khimki, stadio “provvisorio” della squadra russa visto che l’impianto abituale, il celebre Luzhniky, è in ristrutturazione in vista dei Mondiali 2018; è valida per la quinta giornata del gruppo E di Champions League 2014-2015. Le due squadre sono appaiate a quota 4 punti in classifica; lo scontro diretto al momento sorride ai giallorossi che potrebbero accontentarsi di un pareggio, pur se vorranno subito chiudere i conti sperando in un aiuto dal City of Manchester Stadium, dove il Bayern Monaco deve frenare il Manchester City. Cska Mosca Roma sarà diretta dal tedesco Felix Brych. Di seguito tutte le news sulle probabili formazioni Cska Mosca Roma e le info utili du dove vedere la partita in diretta tv e in diretta streaming video.

Sarà visibile in diretta tv a partire dalle ore 18 sui canali di Sky, e precisamente Sky Sport Plus (numero 204) e Sky Calcio 1 (numero 251).

Le quote Snai che accompagnano Cska Mosca-Roma sono favorevoli ai giallorossi, ma il pronostico non è così limpido; il segno 2 infatti è quotato 2,45 ma il segno 1, che sta ovviamente per la vittoria dei russi, è a 2,75. Il risultato meno probabile è il pareggio: si porterebbe a casa 3,40 volte la somma giocata. 

Pochi dubbi per Leonid Slutski che deve rinunciare a Elm e Panchenko ma per il resto ha a disposizione tutta la formazione titolare; assorbita la sconfitta in campionato a Krasnodar con tanto di sorpasso subito al secondo posto in classifica, la squadra scenderà in campo con il In porta Akinfeev, a spingere sulle corsie Mario Fernandes e Schennikov mentre in mezzo come al solito ci si affiderà alla coppia Vasili Berezutski-Ignashevich, che potrebbe andare in difficoltà con i velocisti giallorossi ma è insuperabile fisicamente e nel gioco aereo. In mezzo al campo la suggestione Dzagoev, che ha giocato da playmaker basso l’ultima di campionato e potrebbe essere utile per contrastare i palleggiatori della Roma opponendo qualità e provando a controllare maggiormente il pallone; al suo fianco lo svedese Wernbloom, mentre sulla trequarti al fianco di Roman Eremenko rientra come titolare Ahmed Musa che agirà sulla sinistra, con la conferma a destra di Tosic. La punta unica è Seydou Doumbia: l’ivoriano ha segnato tre gol nelle due partite contro il Manchester City ed è naturalmente lo spauracchio numero uno per la difesa della Roma. 

Prosegue l’emergenza in difesa per la Roma: Maicon era stato dichiarato convocabile ma, almeno così si dice, non si sentiva pronto e dunque è rimasto a casa; con lui Torosidis, perchè gli esami non hanno escluso la possibilità di una lesione. A destra dunque giocherà Florenzi, che torna all’antico (in quel ruolo era stato impiegato a Crotone); coppia centrale con Manolas e Astori (Yanga-Mbiwa è indisponibile, di Castan sappiamo) e il ballottaggio Ashley Cole-Holebas sulla sinistra che dovrebbe essere vinto dall’inglese. Non si cambia a centrocampo: De Rossi è il regista e Pjanic gli dà una mano provando anche ad inserirsi, tra Nainggolan e Seydou Keita dovrebbe averla vinta il maliano con Strootman che va soltanto in panchina. Dubbi in attacco: Totti e Gervinho sicuri del posto, per la terza maglia da titolare Ljajic ha convinto e sembra in vantaggio su Iturbe. C’è anche una mezza idea di 4-4-2: in quel caso la coppia offensiva sarebbe Totti-Gervinho e il serbo potrebbe spostarsi a centrocampo sulla sinistra, con l’allargamento di Pjanic a destra e l’inserimento di Nainggolan al fianco di Keita. Pare comunque una soluzione meno praticabile del solito schema, tutt’al più si potrebbe vedere un 4-2-3-1.