BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Juventus-Parma 7-0: Fantacalcio, i voti della partita. I top e i flop (Serie A 2014-2015, 11a giornata)

Pagelle Juventus-Parma 7-0: i voti della partita di Serie A, valida per l'undicesima giornata di campionato. I protagonisti, i migliori e i peggiori: tutti i giudizi per il Fantacalcio.

(INFOPHOTO) (INFOPHOTO)

E’ la Juventus l’assoluta protagonista dell’11esima giornata di Serie A. I campioni in carica bianconeri dimostrando ancora una volta il proprio valore e le proprie qualità strapazzando, o meglio, massacrando il “povero” Parma. Il match dello Juventus Stadium finisce infatti con un risultato quasi tennistico, un 7 a 0 in favore della Signora che non lascia spazio a repliche. Superlativi gli uomini in bianconero, praticamente degli zombie quelli con la casacca gialloblu. Andiamo a vedere insieme i top e i flop di questo incredibile incontro… di boxe. – E’ Fernando Llorente il migliore della Juventus e nel contempo dell’intero incontro. Realizza una splendida doppietta, ma risulta essere pericoloso dall’inizio alla fine del match, prendendo parte a praticamente tutte le azioni offensive della compagine torinese. Lascia il campo al 71esimo di gioco per dare spazio a Morata e prendersi la standing ovation dello Juventus Stadium. – Assolutamente nessun bocciato in casa Juventus dopo la grandiosa vittoria di ieri. Fra quelli meno brillanti vi è però Padoin che viene scelto da Allegri per battere i calci piazzati senza mai azzeccarne uno. Non fa parte del “gruppo dei soliti”, e si vede. – Un predicatore nel deserto Antonio Cassano. Il fantasista di Bari Vecchia ci prova, cerca la magia, vuole inventare qualcosa per fare male alla Juventus, ma è un uomo solo in mezzo al campo: attorno a lui solo maglie bianconere, quelle gialloblu, ieri, sembravano sparite. Esce al 64esimo per lasciare posto a Belfodil. – Non vorremmo metterci nei panni di chi ha schierato ieri Mirante al fantacalcio. Sette le reti subite dal portiere (cresciuto nella Juve), di cui tre di sua responsabilità: davvero disastroso.

La Juventus di Allegri annienta il Parma di Donadoni rifilandogli un 7-0 storico. Tutti straordinariamente in forma i bianconeri che mettono in mostra tutto il loro potenziale, la loro grinta e la loro forza fisica. Sette gol straordinari contro una squadra che non è mai scesa in campo né per difendersi né per attaccare. Panchina seriamente a rischio quella di Donadoni.  

Prestazione impeccabile dei Campioni d’Italia in carica che si confermano la prima forza del campionato.

Affrontano una squadra di livello superiore senza mai scendere in campo né sostenere l’unico uomo di qualità che hanno: Antonio Cassano. Performance assolutamente improponibile per una squadra di Serie A.

Partita perfetta complice anche il fatto che non c’è stata tensione né alcun episodio discutibili durante il match. 

Juventus-Parma 3-0 dopo i primi 45 minuti di gioco. Massimiliano Allegri conferma il 4-2-3-1 di Juventus-Olympiakos con Buffon (voto 7,5) tra i pali dietro la linea difensiva a quattro formata da Lichtsteiner (voto 7,5), Bonucci (voto 6,5), Chiellini (voto 7) e Padoin (voto 6,5). A centrocampo troviamo Romulo (voto 6), Marchisio (voto 6) e Pogba (voto 6,5) che provano a innescare l’azione offensiva affidata sulle fasce a Pereyra (voto 6,5) e Tevez (voto 5) che supportano l’unica punta Llorente (voto 6,5) Donadoni ripropone il 3-5-2 con Felipe (voto 5) al centro della difesa a tre al fianco di Lucarelli (voto 5,5) e Costa (voto 5) davanti la porta presieduta da Mirante (voto 5). Il nutrito centrocampo vede Rispoli (voto 5,5) e l’ex De Ceglie (voto 6,5) sugli esterni e Acquah (voto 6), Lodi (voto 6) e Mauri (voto 6,5) a centrocampo. In attacco i ducali si affidano alla coppia formata da Cassano (voto 6,5) e Ghezzal (voto 4,5).   Totale controllo del match per la squadra di Allegri che surclassa gli avversari e riafferma la propria potenza dal punto di vista fisico e qualitativo. E’ autore di un gol fantastico, spinge senza sosta sulla fascia destra e fornisce a Llorente l’assist del 3-0. Straripante. E’ sempre un grande giocatore ma non è particolarmente ispirato oggi. E’ autore di diverse conclusioni fuori misura ed è un po’ fuori dalla manovra offensiva della squadra Non ha chance di riagguantare questo match. Il dislivello tecnico tra le due squadre è evidentissimo e Donadoni dovrà trovare il modo di limitare i danni se non vorrà subire una valanga di goal nel secondo tempo.  Insieme a Cassano è l’unico giocatore del Parma a meritare la sufficiente, forse perché sono gli unici due a poter competere a livello tecnico con gli avversari.  Non pervenuto. Cassano prova in tutti i modi a coinvolgere nelle sue azioni lui e i suoi compagni del centrocampo ma c’è poco da fare. (Rosa Maiuccaro)