BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Sampdoria-Napoli (risultato finale 1-1)/ Video highlights della partita di campionato (Serie A, 1 dicembre 2014)

Video Sampdoria Napoli: gli highlights e i gol, le dichiarazioni post partita della gara di lunedi 1 dicembre che ha chiuso la tredicesima giornata del campionato di Serie A 2014-2015

Foto InfophotoFoto Infophoto

Video Sampdoria-Napoli 1-1: cercando una giustificazione al pari tra Sampdoria e Napoli, incredibile per come è maturato a tempo ormai quasi scaduto, non si può che rifugiarsi nei numeri: perchè è vero che il calcio è imprevedibile e tutto può sempre essere ribaltato in 10 secondi. Ma è altrettanto vero che studiando le statistiche spesso, a freddo, si capisce meglio anche l'andamento generale di un match. Davvero quasi mai come in questo caso i dati totali delle due squadre, in totale equilibrio, rappresentano un lucchetto sul responso di "giustizia" del risultato di parità: tanto per cominciare il possesso palla, classico 50 e 50. Ma poi anche i pochissimi tiri nello specchio sul totale dei tentativi – 3 su 14 per la Samp e 2 su 13 per il Napoli – e la pericolosità, 41,1 a 40,5 per il Napoli. Con la squadra di Benitez che si fa preferire anche nel dato sulla supremazia territoriale, poco meno di 2 minuti superiore. Statistiche tutt'altro che fredde, visto il clima infuocato dall'agonismo del Ferraris. Recordman della serata di palle recuperate è Koulibaly, che infatti nonostante l'espulsione non abbiamo bocciato completamente nelle nostre pagelle, per via di un duello molto duro ma leale con Okaka. Anche se il "re" della media statistiche è De Silvestri, sul podio sia alle spalle del difensore napoletano per i pallone rubati che – stavolta dietro David Lopez – per passaggi riusciti, ben 44. Infine la fotografia dei due uomini più pericolosi: chiaramente Eder, che oltre al gol mette a referto altri 3 tentativi offensivi; dall'altra parte invece Higuain, appena dietro al blucerchiato ma con notevole gap di precisione ed efficacia, nell'occasione. Una considerazione inevitabile: l'equilibrio fondamentale del gioco sugli esterni nel 4-2-3-1 di Benitez, scombinato dalla posizione forzata di Ghoulam, necessitava di più coraggio per essere un fattore di spettacolo e riuscita del progetto tattico dello spagnolo. Spavalderia che è mancata, al Ferraris.

Spazio alle interviste del post partita. Iniziando da un soddisfatto Mihajlovic: "Brucia a tutti farsi sfuggire un'occasione così, meritavamo di vincere per come abbiamo giocato. Non posso rimproverare niente ai miei, quando giochi contro grandi squadre d'altronde ogni distrazione puoi pagarla. Abbiamo fatto bene e sono orgoglioso dei miei". Chiusura rispettosa poi nei confronti di avversari, studiati a fondo da Sinisa: "Sono quelli che creano più occasioni in Serie A ma oggi non si è visto, li abbiamo ingabbiati. Ora superiamo la batosta legata al risultato e andiamo avanti". Sempre a Mediaset Premium, anche il presidente Ferrero regala qualche perla, ormai usuale: "Aurelio (De Laurentiis, ndr) ha fatto il cinepanettone in anticipo quest'anno... Peccato, ero già pronto a partire con l'aeroplanino a fine partita, come Montella. Devo dire che sono arrabbiato stasera, ero convinto di vincere". Dall'altra parte, tirato un bel sospiro di sollievo, si presenta con tanto di sorriso stampato sul volto Rafa Benitez: "Pensiamo a migliorare e non solo alla classifica. Loro hanno proposto una partita molto fisica e riuscire a fare quest'impresa nel finale è stato molto buono. L'arbitro? – ha poi concluso il tecnico spagnolo, mentre scorrevano le immagini del rigore abbastanza chiaro su David Lopez, non fischiato – Diciamo che tutti possono avere una giornata nera...".