BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Liverpool-Arsenal (2-2): i voti della partita (Premier League 2014-2015 17^ giornata)

Il colpo di testa di Martin Skrtel, 30 anni, per il pareggio del Liverpool (dall'account Twitter ufficiale @premierleague)Il colpo di testa di Martin Skrtel, 30 anni, per il pareggio del Liverpool (dall'account Twitter ufficiale @premierleague)

Risponde bene a praticamente tutti i tentativi del Liverpool.

Si trova fuori ruolo sulla fascia e la sua gara ne risente parecchio.

Ottima la sua marcatura su Sterling. Sbaglia su Coutinho ma rimedia subito col goal del momentaneo 1 a 1.

Prestazione attenta, si fa sfuggire pochi palloni alti.

Trova poco spazio per percorrere la fascia scatendando però la sua velocità in maniera micidiale in un paio di occasioni.

Fortunato nel trovare l'assist dell'1 a 1, sbaglia la gara incappando in troppi falli e l'arbitro Oliver lo grazia nel primo tempo evitandogli l'espulsione.

Si vede poco oggi ma è fondamentale con la sua tecnica e il suo talento, in grado di propiziare azioni pericolose.

Non trova gli spazi giusti soprattutto per il fatto che Wenger gli affida compiti non adatti d'impostazione non adatti alle sue caratteristiche.

Sfiora il 3 a 2 al 99' ma non riesce a trovare spazioe per il suo gioco.

Fatica tantissimo sull'esterno. Andrebbe schierato punta centrale ma Wenger insiste con Giroud come unico terminale estremo.

In difficoltà nel primo tempo e costretto ad allargarsi per ricever palla, nella ripresa la manovra dell'Arsenal migliora e lui lavora meglio per la squadra trovando anche il bel goal del 2 a 1.

Cerca di supportare il centrocampo in difficoltà ma rischia la rissa dopo un intervento fortuito.

Nei 9 minuti di recupero, non tocca un solo pallone.

All. WENGER 5 La squadra non combina praticamente nulla nel primo tempo. Negli spogliatoi si deve esser fatto sentire ma non abbastanza poichè dopo il 2 a 1 i suoi non costruiscono più nulla e non riesce a far mantenere il vantaggio acquisito.

(Alessandro Rinoldi)

© Riproduzione Riservata.