BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Verona-Chievo (0-1): Fantacalcio, i voti della partita (Serie A 2014-2015 16^ giornata)

Pagelle Verona-Chievo: i voti della partita della sedicesima giornata di Serie A. I protagonisti, i migliori e i peggiori del derby di Verona al Bentegodi: i giudizi per il Fantacalcio

Infophoto Infophoto

LE PAGELLE DI VERONA-CHIEVO (0-1): I VOTI DELLA PARTITA (SERIE A 2014-2015, 16^ GIORNATA) - Il Chievo supera l'Hellas Verona per 1-0. Decide il match, Alberto Paloschi ma il migliore in campo è Hetemaj. Bene tra le fila clevensi, anche Radovanovic. Nel Verona deludono in molti; si salvano soltanto Toni, Moras, Gonzalez e l'incolpevole Benussi. VOTO ARBITRO (Gervasoni) 4,5 - Pesa moltissimo l'errore in occasione del gol del Chievo. Paloschi, al momento del crosso di Zukanovic, era in netto fuorigioco. Non aiutato dagli assistenti. CLICCA QUI PER LE PAGELLE DEL VERONA - CLICCA QUI PER LE PAGELLE DEL CHIEVO

LE PAGELLE DI VERONA-CHIEVO (SERIE A 2014-2015, 16^GIORNATA): I VOTI DEL PRIMO TEMPO - Un derby è sempre un derby sia che si tratti di Milan-Inter, Roma-Lazio, Genoa-Sampdoria o, come nel nostro caso, di Hellas Verona-Chievo. L'anticipo della 16^giornata di Serie A previsto per le 12:30 mette di fronte due squadre separate da un profondo campanilismo accresciuto soprattutto negli ultimi anni. I padroni di casa sono reduci da una vittoria esterna sul campo dell'Udinese che ha riconsegnato fiducia a tutto l'ambiente dopo un novembre nero; gli ospiti, al contrario, da quando è arrivato Maran in panchina a sostituire Corini, hanno iniziato a fare punti nonostante l'ultimo stop interno contro l'Inter. Qual è la posta in palio della gara di oggi? Come in ogni stracittadina - usiamo tale termine con le dovute proporzioni - conta vincere per il prestigio e l'onore ma è innegabile che l'obbiettivo di entrambe le squadre sia quello della salvezza: Chievo che naviga in zone pericolosissime, Verona relativamente più tranquillo anche se Mandorlini deve iniziare a fare punti per evitare di incorrere in brutte sorprese. Dopo questa dovuta premessa, si aprano le danze del 'Derby della Scala'. Il Verona scende in campo con alcune sorprese a cominciare dal portiere Benussi preferito a Rafael; difesa a tre con Moras, Marquez e Guillermo Rodriguez; a centrocampo Brivio e Martic esterni mentre Halfredsson, Tachtisidis e Lazaros interni. Coppia d'attacco formata da Toni e Nenè; quest'ultimo ha vinto il ballottaggio con Nico Lopez. Risponde il Chievo di Maran con un classico 4-4-2: Bizzarri tra i pali quindi Frey, Gamberini, Cesar e Zukanovic a formare il reparto arretrato; Birsa, Radovanovic, Izco ed Hetemaj a centrocampo con Meggiorini affiancato a Paloschi. Nonostante le due squadre si affrontino a viso aperto senza nulla lasciare al caso lo spettacolo in campo è piuttosto limitato per le buone organizzazioni delle difese. Se il Verona però fatica a creare fluidità di manovra palla al piede complici i mancati movimenti dei tre centrocampisti, il Chievo appare più intraprendente con Hetemaj (6,5) sugli scudi. I locali sono monotoni e prevedibili quando impostano il loro gioco con Marquez; i lanci del messicano per Toni sono quasi tutti preda degli attenti Cesar (6) e Gamberini (6,5). Il primo tiro del match, arriva al 10' quando Radovanivic cerca il gol della domenica con un un siluro dai 35 metri ampiamente sul fondo. Poco dopo risponde il Verona con Toni; intelligente tocco dentro di Lazaros (5,5) per Toni (6), murato. In mezzo a mille falli, gli uomini di Mandorlini sfiorano il vantaggio al 19'; errore di Cesar che perde palla in zona pericolosa, quindi affondo di Martic (6) sulla destra che mette in mezzo per Nenè (5,5). L'attaccante cerca una complicata rovesciata deviata in corner da Gamberini. Alla mezzora torna a farsi vedere il Chievo con un tentativo di Zukanovic (6): sinistro alle stelle dalla distanza. Nel finale la gara tende ad accendersi; piovono i cartellini gialli (tre dei quattro complessivi arrivano nell'ultimo quarto d'ora di match) e si accendono gli animi di alcuni giocatori. In quanto a palle gol, nemmeno l'ombra. Da segnalare giusto un paio di tentativi: una girata del solito Toni nell'Hellas e un altro tiro da fuori di Radovanovic (6) bloccato da Benussi (6). VOTO PARTITA 5 - Gara spezzettata e bloccata in cui regna l'equilibrio. Poche occasioni e attacchi spuntati. Da un derby ci si aspetta di più: non basta la grinta dei giocatori e lo spettacolo dei tifosi sugli spalti. VOTO VERONA 5 - Squadra priva di idee. La manovra di gioco è molto lenta, nessuno accende la luce e i rifornimenti dalle fasce per Toni scarseggiano. In compenso, buona l'organizzazione difensiva.  MIGLIORE VERONA TONI 6 - E' lui il giocatore chiave degli scaligeri. Lotta come un leone anche se i rifornimenti sono scarsi e non sempre ottimali; in più, a dannargli il derby, ci si mettono anche alcuni problemi fisici. PEGGIORE VERONA TACHTISIDIS 5 - Non si nota praticamente mai a meno di quando viene ammonito per alcune, evitabili, scintille con Radovanovic. Nervoso e mai utile in questo primo tempo. VOTO CHIEVO 5,5 - Leggermente più intraprendente la squadra di Maran rispetto a quella di Mandorlini ma poche le occasioni create. Centrocampo un po' lento e attacco troppo sterile. MIGLIORE CHIEVO P. HETEMAJ 6,5 - Uno dei pochi a salvarsi nel reparto di centrocampo. Attacca e difende con la stessa intensità. PEGGIORE CHIEVO IZCO 5 - Come Tachtsidis dall'altra parte, è uno di quelli che ancora non è sceso in campo. (Federico Giuliani)

 

ARBITRO (Gervasoni di Mantova) 6 - Per un po' lascia giocare poi inizia a sventolare i cartellini gialli. Buono il metro di giudizio applicato.