BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Champions League/ 6° giornata Juventus Atletico Madrid, Roma Manchester City pronostico di Cordolcini (esclusiva)

Champions League sesta giornata, parla ALEC CORDOLCINI: il pronostico e la presentazione sull'ultimo turno della fase a gironi della massima competizione europea (9-10 dicembre)

Infophoto Infophoto

CHAMPIONS LEAGUE 2014-2015, SESTA GIORNATA FASE A GIRONI: IL PRONOSTICO DI ALEC CORDOLCINI (ESCLUSIVA) – Ultima giornata dei gironi di Champions League: la Roma ospiterà il Manchester City e la Juventus l'Atletico Madrid. Due sfide di lusso che ci diranno se le squadre italiane si qualificheranno agli ottavi. Tra le formazioni che hanno tenuto banco finora ci sono state sicuramente il Real Madrid e il Bayern Monaco, già qualificate al pari di altri colossi come il Barcellona, il Paris Germain e il Chelsea. Delusioni di questa fase a gironi sicuramente il Liverpool e il Benfica, la prima comunque ancora in corso per andare agli ottavi di finale. Per presentare questa ultima giornata di Champions League abbiamo sentito il giornalista Alec Cordolcini. Eccolo in questa intervista esclusiva per IlSussidiario.net.

Real Madrid protagonista indiscusso della prima fase? Dopo la sconfitta nel derby il Real Madrid ha infilato una serie di diciotto vittorie consecutive. La formazione di Ancelotti sta dimostrando di avere un grande gioco, è in testa alla Liga, dovrebbe vincere salvo sorprese il Mondiale per club. È attualmente la squadra più accreditata per aggiudicarsi la Champions League.

Dopo il Real chi vede tra le favorite? Il Bayern sarà sicuramente una grande rivale, ha il vantaggio di giocare in un campionato che sta dominando e che potrebbe finire presto a vantaggio della formazione di Guardiola, che potrà così concentrarsi sulla Champions League. In più la finale si giocherà a Berlino. Il Barcellona va invece a corrente alternata, mentre il Chelsea dopo la sconfitta a Newcastle ha visto riaprire la Premier League: il Manchester City si è avvicinato.

Il Paris Saint Germain è ora in grado di giocarsi la vittoria? Diciamo che il Paris Saint Germain è un po' come il Manchester City: ha tanti campioni, ma non mi sembra che abbia la squadra per vincere la Champions League. Negli ultimi anni ha fatto meglio della formazione inglese, ma gli manca ancora qualcosa per vincere questa competizione.

Ci sarà Liverpool-Basilea: la squadra inglese dovrà vincere per forza... Il Liverpool è la grande delusione di questi gironi. La squadra inglese risente della partenza di Suarez, Sterling e Sturridge non stanno giocando a grandi livelli. Il Liverpool fa fatica ad imporre il proprio gioco, il Basilea è molto bravo a controllare le varie situazioni che capitano durante un incontro. Anche con il nuovo allenatore Paolo Sousa le cose non sono cambiate. Nelle due partite col Real Madrid ha avuto un atteggiamento tattico ideale, non ha avuto paura, pagando in Spagna ma perdendo di poco ed immeritatamente in Svizzera. Il Basilea ormai ha una sua dimensione internazionale anche se il livello del campionato elvetico non è alto, lo ritengo dunque favorito per il passaggio del turno.

Si aspettava un Benfica così deludente? Come tante squadre portoghesi paga il fatto che il mercato porta queste formazioni a privarsi dei loro giocatori migliori. La stessa cosa vale anche per l'Olanda, anzi ultimamente il Portogallo ha saputo farvi fronte meglio, così si spiega la differenza di risultati recenti a favore del calcio portoghese.

Olanda in calo, come la Turchia... Per la Turchia è un discorso diverso, si investono tanti soldi e si cercano grandi giocatori, ma si lavora poco sui vivai. Le aspettative sono tante e c'è tanta pressione, come dimostra il caso di Prandelli. Non voglio giustificarlo, visto che il Galatasaray è uscito dalla Champions, ma stava comunque lottando per il titolo in campionato...

Il calcio russo nonostante gli investimenti non decolla mai del tutto: perché? Anche qui sono stati fatti investimenti importanti, sono arrivati molti campioni ma il livello del calcio russo non è buono. Come dice Capello, ci sono solo duecento giocatori russi nel campionato locale.

Quali saranno le possibilità di Roma e Juventus? La Roma sarà avvantaggiata dal fatto che il Manchester City dovrà venire in Italia a vincere con diversi assenti, da Tourè ad Aguero. Kompany e Dzeko sono acciaccati, potrebbe giocare Jovetic che non ha mai fatto grandi cose nella formazione di Pellegrini. La Juventus avrà a disposizione due risultati su tre con l'Atletico Madrid che con un pareggio si qualificherebbe come prima nel girone. Secondo me per queste ragioni dovrebbero qualificarsi entrambe le nostre squadre. (Franco Vittadini)

© Riproduzione Riservata.