BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Olimpiadi Sochi 2014/ Chi è Alessandro Pittin, speranza azzurra della combinata nordica

Pubblicazione:mercoledì 12 febbraio 2014

Alessandro Pittin (Infophoto) Alessandro Pittin (Infophoto)

OLIMPIADI SOCHI 2014, LA SCHEDA DI ALESSANDRO PITTIN - Alessandro Pittin nasce l'11 febbraio del 1990 a Tolmezzo, provincia di Udine, da una famiglia talmente appassionata di sport invernali che Alessandro a soli tre anni indossa i suoi primi sci. Durante l'infanzia frequenta insieme al fratello la scuola di sci Zocolan, dove all'età di otto anni conosce per la prima volta l'adrenalina del salto con gli sci seguendo le lezioni di "Leo" De Crignis, appassionato della disciplina che mise a disposizione dei ragazzini della struttura la propria esperienza. Pittn sceglierà poi la combinata nordica, che al salto unisce lo sci di fondoGrazie anche all'incitamento del padre, Pittin approfondisce la disciplina che nel 2006 lo vedrà convocato in Nazionale, in quella occasione Alessandro ebbe l'onore di aprire i Giochi di Torino 2006 come primo atleta in gara. Nonostante la passione primaria sia lo sport invernale, nella sua giovinezza Pittin ha praticato anche altri sport come, ciclismo, atletica e corsa in montagna, raccogliendo anche qualche premio. I primi successi di Pittin arrivano nel 2008, quando l'atleta friulano riesce a conquistare un primo e un terzo posto ai Campionati Mondiali Junior, ripetendosi vincendo una tappa di Coppa del Mondo B. Un anno più tardi l'atleta azzurro conquista la sesta piazza ai Campionati Mondiali, domina invece nei Campionati Junior piazzando due primi posti. Nel 2010 per Alessandro arrivano le soddisfazioni anche in Coppa del Mondo, mettendo a segno tre podi, ma gli sforzi vengono premiati alle Olimpiadi di Vancouver 2010 con la medaglia di bronzo. Purtroppo qualche mese dopo subisce un brutto infortunio durante una seduta di allenamento in Germania lussandosi e fratturandosi la spalla sinistra, viene ricoverato al Rodewisch Hospital per i primi soccorsi poi in Italia verrà sottoposto ad operazione chirurgica. Questo sarà il primo di una serie di piccoli infortuni che lo attanaglieranno nell'arco di tutto l'anno successivo. Nel corso del 2013 Pittin ha disputato più gare e ha avuto la possibilità di intensificare gli allenamenti. Alessandro Pittin si sente determinato ad affrontare la competizione, ha lavorato molto per raggiungere la miglior forma in vista delle Olimpiadi di Sochi 2014, dichiarando di ambire ad una medaglia più importante. Proprio ieri, alla vigilia del giorno che lo vede impegnato nel primo salto dal trampolino piccolo, Alessandro ha festeggiato il compleanno, a tale proposito l'atleta ha commentato di sentirsi più maturo e con più esperienza, ma sa anche di non poter sbagliare per dare conferme anche a se stesso. Secondo lui l'atleta favorito nella sua disciplina è il tedesco Eric Frenzel, che sta mostrando continuità di risultati. Pittin si aspetta miglioramenti anche nello sci di fondo dove ha adottato diverse tecniche di allenamento prima di arrivare alla competizione olimpica.


  PAG. SUCC. >