BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Atalanta-Parma (0-4): voti e tabellino (Serie A, 24^ giornata)

Foto InfophotoFoto Infophoto

La parata su Maxi Moralez, con il risultato ancora in equilibrio, vale un gol. Infonde sicurezza ai compagni ed esce con il "clean sheet". 

Nasce da un suo cross l'autorete che vale il 2-0. Bonaventura lo fa leggermente penare, ma quando spinge è lui a creare difficoltà agli avversari. 

Dominante. Denis non la vede mai per merito suo, che arriva ovunque di testa e contribuisce a mantenere inviolata la porta. 

Anche lui autore di una partita maiuscola, nella quale sbaglia poco o niente. 

Bentornato a un giocatore che sarà utilissimo per Donadoni. Spinge tanto, sa difendere e oggi trova il bonus del gol (con deviazione).

Prestazione sinceramente insufficiente per lui, con tanto di rischio espulsione senza motivi apparenti. 

( Si segnala subito perchè entra in campo con la consueta personalità e con giocate di qualità contribuisce)

Consigli è strepitoso sul suo tiro, ma forse lui poteva fare qualcosa di meglio. Per il resto gioca una partita accorta, badando più a difendere.

Appannato: siamo abituati a vederlo gettarsi negli spazi, oggi invece ha faticato e ha preferito rimanere defilato per aiutare la manovra. 

Come al solito macina chilometri su chilometri ed è lui che apre l'azione da cui nasce il gol di Molinaro. Ha rifiutato la Lazio: qui si trova benissimo e si vede.

Anche quando non è in partita ed è ben controllato la sua presenza si sente: tante giocate interessanti pur se non correndo troppo, poi con la complicità di Consigli fa 3-0 su punizione.

Assist bellissimo per Gargano che spreca; si muove bene e cerca sempre di rendersi utile, non sempre ci riesce ma dà una mano. 

( Gol dell'ex, non esulta e rimane composto nonostante si prenda valanghe di fischi e insulti; ragazzo anche sfortunato, questo gol potrebbe averlo sbloccato)

All. DONADONI 7 Il suo Parma vola sulle ali dell'entusiasmo: forse prima o poi la sconfitta arriverà, per adesso si gode il momento e la sua creatura, che naviga in acque europee e tra un rallentamento e l'altro (delle avversarie) ci potrà anche arrivare. Ha una partita in mano: all'Olimpico d'accordo, ma questo Parma può fare punti anche lì. (Claudio Franceschini)