BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Probabili formazioni/ Milan-Atletico Madrid, gli assenti (Champions League, andata ottavi)

Pubblicazione:martedì 18 febbraio 2014 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 19 febbraio 2014, 18.48

Foto Infophoto Foto Infophoto

PROBABILI FORMAZIONI MILAN-ATLETICO MADRID:  PAZZINI-BALOTELLI IN COPPIA UNO DEI DUE SEMPRE A SEGNO (CHAMPIONS LEAGUE, ANDATA OTTAVI) - La partita di Champions League tra Milan ed Atletico Madrid sarà un crocevia per la stagione dei rossoneri che vogliono tornare in corsa in europa dopo le delusioni del campionato. Balotelli in conferenza stampa si è detto favorevole ad un'eventuale tandem d'attacco con Pazzini confermando che la statistica 'favorisce' questa coppia visto che quando giocano insieme almeno uno dei due riesce a segnare. Insomma il bomber del Milan ha mandto un chiaro segnale a Seedorf che ora dovrà adottare lo schema più adatto per la partita facendo i conti anche con gli infortuni e le squalifiche che hanno ridotto la rosa rossonera.

PROBABILI FORMAZIONI MILAN-ATLETICO MADRID:  KAKA' IN DUBBIO, IDEA PAZZINI-BALOTELLI (CHAMPIONS LEAGUE, ANDATA OTTAVI) - Si avvicina la partita di Champions League tra Milan e Atletico Madrid e gli allenatori stanno pensando alle ultime rifiniture agli schemi e studinado eventuali variazioni alle formazioni che scenderanno in campo domani. Per Seedorf ci sono ancora dubbi sulle condizioni di Kakà che sta recuperando dalla distorsione della caviglia. In caso non riesca a tornare al 100% è possibile parta dalla panchina lasciando il posto alla coppia Pazzini-Balotelli con conseguente cambio di modulo. Tutto dipenderà dalla fase di rifinitura di domani.

PROBABILI FORMAZIONI MILAN-ATLETICO MADRID (CHAMPIONS LEAGUE, ANDATA OTTAVI): LE NOTIZIE ALLA VIGILIA - Il grande giorno arriva domani: Milan-Atletico Madrid, andata degli ottavi di finale di Champions League, si gioca alle 20,45 a San Siro. La prima è in casa dei rossoneri perchè i Colchoneros sono arrivati primi nel loro girone e si sono quindi guadagnati il diritto del ritorno al Vicente Calderon; conta poco ad ogni modo, in questi 180 minuti i rossoneri si giocano tanto della loro stagione e, chissà, forse anche della prossima. Arbitra il portoghese Pedro Proença; se guardiamo l'andamento delle due squadre in questa stagione diremmo che il Milan non ha speranze di superare gli ottavi, ma questa competizione ha sempre rivelato sorprese e in un turno a eliminazione diretta può sempre succedere di tutto. E' la grande speranza rossonera, unita alla grande tradizione europea della squadra. 

QUI MILAN - Clarence Seedord affronta la prima grande partita della sua carriera di allenatore. Naturale che domani sera ci sarà un po' di tensione, ma certamente il tecnico olandese si è fatto le ossa da giocatore, vincendo per altro una cifra record di quattro Champions League (con tre squadre diverse). Arriva dalla sofferta vittoria contro il Bologna, utile per il morale; ma deve rinunciare agli squalificati Montolivo e Muntari, oltre agli infortunati Zapata, Birsa, Cristante, El Shaarawy (che è nella lista B) e Robinho. A questi si aggiungono Silvestre, che non è stato inserito nella lista, e Honda che avendo già giocato la prima fase con il CSKA Mosca e pertanto non può essere impiegato. Seedorf pensa così di rispolverare Bonera in mezzo alla difesa con il confermatissimo Rami, in mezzo con Essien giocherà De Jong e qui i rossoneri potrebbero soffrire in fase di impostazione; anche se ci sono Poli e Kakà che dalla trequarti possono abbassarsi per dare una mano. L'arma tattica dalla panchina si chiama Giampaolo Pazzini. 

QUI ATLETICO MADRID - Non è un momento splendido per i Colchoneros, che hanno sì battuto 3-0 il Valladolid lo scorso sabato - e quindi continuano in testa con 60 punti insieme a Barcellona e Real Madrid - ma arrivavano da tre sconfitte consecutive, una sanguinosa in campionato sul campo dell'Almeria (0-2) e le altre due in Copa del Rey contro il Real Madrid, per un complessivo 0-5. Prima crisi per Diego Simeone, alimentata da una rosa corta che con alcuni giocatori indisponibili ha risentito degli impegni ravvicinati. Anche così, e anche con le indisponibilità di Filipe Luis (probabile l'inserimento di Insua a sinistra) e Tiago (giocherà Mario Suarez) resta altamente competitiva e, a conti fatti, una delle peggiori che il Milan potesse pescare dal sorteggio. Il dubbio resta legato alla presenza di David Villa, appena rientrato in campo: possibile che il Cholo lo metta subito in campo, perchè il Guaje è imprescindibile con la sua esperienza. L'alternativa è Adrian Lopez (oltre a Raul Garcia), mentre attenzione a Diego che questa manifestazione l'ha già giocata e dalla panchina è un'alternativa validissima.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.