BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Olimpiadi Sochi 2014/ Pattinaggio, Camilla Pistorello: Kostner, pericolo russo. Che bella la gara a squadre, e su Cappellini-Lanotte... (esclusiva)

Carolina Kostner, 27 anni (Infohpto) Carolina Kostner, 27 anni (Infohpto)

Io le ho parlato prima che partisse per Sochi: è la persona più felice del mondo. Da anni voleva andare alle Olimpiadi, ogni volta c'era qualche ragione per la quale non riusciva a partecipare; finalmente ci è riuscita, e si sta godendo al massimo l'esperienza. E' stata bravissima nella gara a squadre con un programma stupendo. Certo, non combatte per un podio e ne è consapevole lei stessa, però…

Però? Conoscendo anche il suo carattere, so che combatterà con i denti per riuscire a portare a casa il meglio. 

Parlando invece di Anna Cappellini e Luca Lanotte: sesti e bravissimi, ma lontani dai primi nel punteggio. Dove sta la differenza? Guarda, diciamo che nella parte artistica ci sono dei "components" che variano in base all'espressività nell'interpretare la musica, o come si eseguono gli elementi. Quello che davvero fa la differenza però è la parte tecnica. 

In che modo? Ogni elemento obbligatorio ha un punteggio che può variare dall'1 al 4. Sta alla coppia scegliere il grado di difficoltà; ad esempio, puoi decidere di presentare dei twizel livello 4. Se però fai un giro in meno o, nell'eseguire il twizel, metti a terra un piede, ti viene abbassato il livello. Questo vale ovviamente per gli altri elementi dell'esercizio. Tornando ad Anna e Luca…

Sì? Loro hanno fatto benissimo, ma è possibile che uno dei due, o entrambi, abbiano eseguito per esempio una "venda" o una "controvenda" in cui il filo non era perfetto; loro poi vanno a competere con dei mostri della tecnica, perchè gli americani non sbagliano mai, sono sempre perfetti. 

Perciò, volendo provare a dire dove Anna e Luca devono ulteriormente perfezionarsi? Probabilmente nella precisione. Devono allenarsi tantissimo, ma questo certamente già lo fanno; e in particolare concentrarsi sulla precisione negli elementi, per evitare che possano diminuire di livello. E poi ci vuole tanta, tanta, tanta fortuna: anche in questo sport, se non ce l'hai, sei fregato (ride, ndr).

(Claudio Franceschini)

© Riproduzione Riservata.