BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni/ Juventus Trabzonspor: i protagonisti (Europa League, andata sedicesimi)

Foto Infophoto Foto Infophoto

La Juventus inizia domani sera alle ore 19 il suo cammino in Europa League: a Torino affronta il Trabzonspor per l'andata dei sedicesimi di finale. Lo stimolo della finale casalinga potrebbe fare la differenza tra il giocare la competizione giusto come "allenamento" per il campionato e il provare realmente a vincere la coppa, che sarebbe comunque una bella soddisfazione e un trofeo che ancora manca nella bacheca dei bianconeri (l'ultima Coppa UEFA risale al 1992-1993). Arbitra il bielorusso Aleksei Kulbakov. 

Per i bianconeri la discesa in Europa League resta un fallimento: i quarti di finale di Champions dello scorso anno, e gli acquisti estivi di Tevez e Llorente, facevano pensare a una squadra pronta a prendersi almeno le semifinali. Invece è arrivata l'eliminazione al primo turno: dopo il pomeriggio da incubo di Istanbul arriva un'altra squadra turca, quasi fosse un segno del destino. Questa è meno competitiva, ma si sa che andare a giocare in certi ambienti può essere difficile per il clima e il calore dei tifosi. Antonio Conte fa giusto turnover: il terzo scudetto consecutivo resta la priorità, e comunque la Juventus ha una rosa in grado di superare almeno i primi turni con alcune seconde linee in squadra. Sarà il turno di Osvaldo come titolare, per la prima volta dopo due spezzoni in campionato; con lui ci sarà Carlos Tevez, che contro il Chievo è entrato negli ultimi venti minuti. A centrocampo dovrebbe essere il turno di Pirlo di stare in panchina: giocherà Pogba in posizione centrale, mentre c'è totale cambio sulle corsie dove Isla e Peluso prendono il posto di Lichtsteiner e Asamoah. Dietro, scelte obbligate: sono ancora fuori Barzagli e Chiellini, perciò giocheranno Ogbonna e Caceres insieme a Bonucci. 

Il Trabzonspor si è ben comportato nel girone eliminatorio di Europa League (era in quello della Lazio), dando un'impressione di qualità offensiva e una certa solidità a centrocampo, pur se nella fase difensiva bisogna forse lavorare. Resta una formazione difficile da affrontare soprattutto in Turchia; l'ambiente può fare la differenza. In campionato la squadra di Trebisonda sta affrontando una stagione difficile, per il momento c'è il nono posto anche se il distacco dalla quarta è soltanto di cinque punti. I problemi per Tami Mandirali, che ha sostituto Mustafa Agkay all'inizio dell'anno, arrivano dagli infortuni: dovrà fare a meno di Sol Bamba e Florent Malouda, che sono due dei giocatori più esperti della rosa. I turchi saranno comunque in campo con un 4-2-3-1 nel quale brilla la stella di Paulo Henrique, di fatto l'attaccante titolare anche se Emre Gural tecnicamente potrebbe avergli preso il posto; dietro di lui sono pericolosi i trequartisti, a cominciare dal polacco Mierzejewski e per arrivare poi ad Olcan Adin (che gioca sulla destra) e Yusuf Erdogan, prospetto molto interessante. Zokora guida la cerniera in mediana insieme a Gustavo Colman. Dietro, assente Bamba, giocheranno Yumlu e Demir, con Bosingwa che porta esperienza sulla fascia destra e Kadir Keles a sinistra.

© Riproduzione Riservata.