BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Chievo-Lazio (0-2): voti e tabellino (Serie A, 22^ giornata)

Foto InfophotoFoto Infophoto

Ingiudicabile: non è una manciata di uscite alte a determinare se sia stato bravo o meno. Che abbia i mezzi lo si è capito; che Reja lo preferisca a Marchetti, più o meno anche.

Bravo anche se non sempre corretto dal punto di vista stilistico. Non è ad un balletto tuttavia, quindi il voto è positivo. 

Comanda la difesa con assoluta tranquillità: mai davvero impegnato.

Mezzo voto in più perchè si sta adattando in un ruolo non suo e con grande dedizione sta facendo molto bene. 

Ordinaria amministrazione: si trova contro Dramé che sembra molto timido e sfrutta a dovere il campo di cui dispone. 

Davvero autoritario come poche volte era stato in questa stagione; un'ammonizione inutile però gli costa il derby. 

Tornato forse nel progetto Lazio grazie a Reja, è un po' arrugginito ma se la cava. 

Già non sufficiente per la scarsa adattabilità al nuovo ruolo, decide di divorarsi un gol già fatto per aggravare la sua situazione. 

Anima della squadra, incredibile se pensiamo a come era iniziata la sua avventura a Formello. Gol da opportunista: fanno 6 in campionato. ()

Non da lui sbagliare addirittura due gol a tu per tu con il portiere: si rifà con tanti chilometri macinati per far salire la squadra, ma non brilla comunque. ()

Classe '95: ogni tanto ce lo dimentichiamo. E' un vero e proprio gioiello che Reja aveva portato in prima squadra e Petkovic lanciato in campo. Il friulano lo ha ritrovato più maturo: se continua così un campione sarà nato. 

All. REJA 7 Resta imbattuto in campionato; ha ridato fiducia e vigore alla Lazio, che risponde sul campo e vince partite che prima o perdeva o pareggiava con grande fatica. Il quinto posto adesso è una realtà: magari anche di più, se davanti continueranno a fare a gara per rallentare il passo. (Claudio Franceschini)