BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Probabili formazioni/ Inter Cagliari: le ultime novità (serie A, 25^ Giornata)

Foto InfophotoFoto Infophoto

Alle ore 15 di domani si gioca Inter-Cagliari, partita valida perla 25^ giornata del campionato di Serie A 2013-2014. Gara interessante: i nerazzurri arrivano da due vittorie consecutive raccolte contro Sassuolo e Fiorentina, mentre il Cagliari al contrario ha perso le ultime due (Sampdoria e Livorno). Ci sono 15 punti tra le due squadre, l'Inter può portare a tre la striscia vincente, una cosa che in questa stagione non è mai successa, nemmeno durante il positivo inizio. Arbitra Russo.

L'Inter segue i dettami di Walter Mazzarri, quelli che aveva già messo in pratica a Napoli: possesso palla non aggressivo (quinto in Serie A) ma ripartenze guizzanti che portano infatti al terzo posto nella supremazia territoriale, mentre la pericolosità non è elevatissima e potrebbe certamente migliorare. I nerazzurri hanno sofferto l'assenza di Ricky Alvarez, uno dei giocatori in grado di trasformare con grande rapidità l'azione da difensiva in offensiva; per lungo tempo Palacio ha dovuti occuparsi di sostenere tutto il peso dell'attacco e per questo motivo è stato poco lucido sotto porta, attraversando un periodo buio terminato, sperano tutti i tifosi, con il gol realizzato contro la Fiorentina. La presenza di Hernanes dà maggiore qualità alla mediana, anche se il Profeta è giocatore che ama trattare la palla e in questo senso potrebbe portare minor velocità nella manovra ma, al contempo, precisione e concretezza più ficcanti. Non cambia la formazione per la partita di oggi: ancora scelto Kuzmanovic a centrocampo, con Guarin ed Hernanes ai suoi lati. Le due punte restano: Milito va a caccia del terzo gol in campionato dopo la doppietta realizzata al Sassuolo. 

Due sconfitte consecutive per un Cagliari che sotto la guida di Diego Lopez è diventato più "latino": ovvero, possesso palla (undicesimo in Serie A) e grande precisione nei passaggi (ottavo), trame avvolgenti e la ricerca dello spazio per fare la giocata. La supremazia territoriale è buona, un po' meno la pericolosità offensiva (dodicesimo); soprattutto a inizio stagione gli attaccanti hanno fatto fatica, Pinilla e Sau non hanno trovato la rete con continuità e questo ha creato difficoltà a tutta la squadra che non aveva sbocchi offensivi. Senza Nainggolan poi viene a mancare una soluzione a centrocampo, energia e inserimento negli spazi; Lopez ha scelto Matias Vecino, appena arrivato dalla Fiorentina: chissà che qui non possa trovare la sua vera dimensione e rendersi utile per il Cagliari, che forse nell'immediato non rischia la retrocessione ma certo deve darsi una mossa se non vuole essere risucchiato dalle altre. Oggi manca capitan Conti, espulso contro il Livorno.

© Riproduzione Riservata.