BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Juventus-Torino (1-0): i voti della partita (Serie A, 25^ giornata)

Foto InfophotoFoto Infophoto

Buffon 6,5: nessun grande intervento degno di nota, ma esce sempre con sicurezza sulle numerose palle granata fatte entrare nell’area bianconera.

Barzagli 6: difficilmente lo abbiamo visto così in difficoltà. Immobile gli toglie qualsiasi possibilità d’anticipo. Ma la partita finisce 1-0 e ad averla vinta è sempre lui.

Bonucci 6,5: in fase difensiva è impeccabile, nessuna sbavatura e imprecisione. Quando il ritmo è più lento è lui che dovrebbe impostare più il gioco da dietro, e invece rallenta e fa salire il pressing granata.

M. Caceres 6: come vice Chiellini non fa brutte figure. Ha il merito di limitare Cerci riducendolo sempre ad accentrarsi senza mai fargli prendere il fondo.

Vidal 5,5:  non una delle migliori prestazioni del cileno in questa stagione. Prende un giallo dopo pochi minuti e questo lo condiziona per tutta la partita. Poche occasioni e penetrazioni in area. Esce per non rischiare

Lichsteiner 5: mancano le sue penetrazioni e la sua spinta continua sulla fascia destra. Troppo pochi sia i cross che gli inserimenti.

Asamoah 6,5: conpensa quella che non fa Lichsteiner. Corsa sia in zona offensiva che nella fase di ripiego. Salta sempre Vives ed è una spina nel fianco per la difesa avversaria.

Pirlo 6,5: illuminante e geometra in mezzo al campo. Suo l’assist per il gol di Tevez. Non perde mai un pallone ed è sempre acqua viva in fase di impostazione del gioco.

Pogba 6: partita sufficiente, ma senza grandi giocate che lo hanno contraddistinto. Non si prende mai la responsabilità di concludere in porta.

Tevez 7,5 (il migliore): gol da fenomeno che vale il derby di Torino e il primo posto nella classifica marcatori. Quando parte palla al piede è infermabile. Importante in fase di ripiego a dare una mano ai suoi compagni

Llorente 7: il re leone fa una partita incredibile anche se non timbra il cartellino del gol. La squadra nel primo tempo gioca solo in verticale su di lui che di sponda manda sempre qualcuno in porta.