BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Napoli-Genoa (1-1): i voti della partita (Serie A, 25^ giornata)

Pubblicazione:lunedì 24 febbraio 2014 - Ultimo aggiornamento:lunedì 24 febbraio 2014, 23.54

Genoa

PERIN 6: Si fa trovare sempre pronto. Sul goal non può nulla.

BURDISSO 6: nel primo tempo si perde un po’ troppo spesso Callejon dalle sue parti. Nella ripresa sale in cattedra compiendo svariati interventi difensivi che mantengono a galla la sua squadra.

DE MAIO 6: Soffre anche lui i tenori napoletani nel primo tempo. Meglio nella ripresa dove ci metta una pezza più volte.

ANTONINI 5: Non riesce mai a frenare lo spumeggiante Mertens in fase difensiva.

MOTTA 5,5: Prova opaca per l’acquisto invernale. Si vede pochissimo in tutte e due le fasi.

DAL 63’ CALAIO’ 7: Da vero ex della partita punisce i suoi ex tifosi con una prodezza incredibile che non potrà facilmente scordare.

MATUZALEM 6: Elemento indissolubile di questa squadra. Dispone di tecnica sopraffina, ma anche di durezza nei contrasti che gli permettono di contribuire in modo decisivo in entrambe le fasi.

BERTOLACCI 6: Prestazione sufficiente. Pochi errori e tanto spirito di sacrificio.

ANTONELLI 6,5: Vince spesso il duello con Reveillere e si fa notare anche in fase difensiva. Si prende una piccola rivincita personale contro il Napoli e Benitez.

SCULLI 6: Nel primo tempo non incide tanto, mentre nella ripresa si rende molto pericoloso con le sue incursioni in area.

DAL 78’ CENTURION: S.V.

KONATE 6,5: Con la sua velocità ed atletismo manda in tilt la difesa azzurra. Da raffinare ancora un po’ di tecnica.

GILARDINO 5: Fantasma della partita. Esce silenziosamente nell’intervallo per problemi fisici.

DAL 46’ FETFATZIDIS 6,5: Fa salire la squadra con la sua velocità e manda in apprensione per tutta la ripresa la difesa avversaria con i suoi dribbling  ubriacanti.

All.GASPERINI 6: Ancora una volta si conferma vero tabù del Napoli. Buona prova dei suoi sia sul piano fisico che mentale.

(Paolo Zaza)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.