BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Probabili formazioni/ Roma-Napoli, Totti titolare (Coppa Italia, semifinali andata)

Foto InfophotoFoto Infophoto

E' grande sfida domani all'Olimpico: alle ore 20,45 si gioca Roma-Napoli, semifinale di andata di Coppa Italia 2013-2014. Sono in molti a pensare che questa debba essere la vera finale: dall'altra parte sono arrivate Udinese e Fiorentina, che hanno certamente meno appeal rispetto a queste due squadre. E' possibile che non sia questa la partita decisiva: c'è una sfida al San Paolo, quella di ritorno, che potrebbe sovvertire tutto. La Roma arriva forse più in forma, anche perchè nelle gambe non ha i novanta minuti della domenica; può sfruttare il fattore campo che quest'anno ha portato benissimo. Il Napoli tuttavia ha in panchina Rafa Benitez: uno che nelle coppe solitamente dà il meglio di sè e sa alla perfezione come si interpretano partite di questo genere. In più i giallorossi hanno il derby nel weekend: professionisti del genere sono abituati a pensare una partita alla volta, ma il tarlo biancoceleste potrebbe comunque insinuarsi. C'è l'allerta maltempo: rinviare un'altra partita sarebbe una grana non da poco, già il recupero contro il Parma slitta ad aprile. 

 I giallorossi hanno pareggiato due partite all'Olimpico in questa stagione: 1-1 contro il Sassuolo, 0-0 contro il Cagliari. Tutte le altre le hanno vinte, anche le due di Coppa Italia. Agli ottavi 1-0 alla Sampdoria con gol di Torosidis, poi stesso punteggio rifilato alla Juventus con gol di Gervinho. E' stata questa partita a dare al gruppo di Rudi Garcia la convinzione di potersela giocare ad armi pari fino alla fine: i 50 punti conquistati in 21 giornate di campionato sono da primo posto in qualunque campionato che non sia questo, dove i bianconeri dominano e, in attesa di Roma-Parma, hanno 9 punti di vantaggio. I numeri giallorossi fanno comunque impressione, la difesa è la meno battuta del torneo e in casa ha incassato appena due reti (di Domenico Berardi e Juan Vargas). Per la partita di domani Garcia non può non pensare al derby: la difesa è quella titolare e non può essere altrimenti (Toloi non è ancora stato convocato), si va invece verso il riposo di Pjanic a centrocampo (dentro Nainggolan) e Totti in attacco, con la riproposizione di Adem Ljajic sulla destra insieme a Gervinho e Destro. Quest'ultimo è chiamato a dare peso all'attacco: cinque giocatori hanno segnato 5 gol in campionato, manca il vero bomber. 

 Periodo buio per il Napoli, che in campionato non vince da tre partite e ha perso nettamente a Bergamo, portando il suo bilancio esterno a 6 vittorie, 2 pareggi e 3 vittorie. La testa della classifica si è allontanata (-15), il terzo posto è ancora partenopeo solo perchè dietro le altre fanno a gara a chi fa meno punti. Qualcuno comincia a mugugnare sull'effettiva gestione della rosa da parte di Benitez, che manco a farlo apposta ha deciso di escludere Jorginho dalla lista per l'Europa League. Chiaro che adesso il gruppo debba dare delle risposte concrete: a cominciare da domani sera non si potrà più sbagliare, perchè i paragoni con Walter Mazzarri continuano a essere di attualità a Castelvolturno. Turnover anche in casa Napoli, perchè nel fine settimana si ospita il Milan e non si possono fare passi falsi: pronto a giocare dal primo minuto Jorginho, in coppia molto probabilmente con Inler. Tornerà titolare Hamsik, probabile panchina per Mertens con l'inserimento di Lorenzo Insigne dal primo minuto; in difesa possibile avvicendamento tra Ghoulam e Rèveillère sulla sinistra, mentre Fernandez potrebbe riposare consentendo l'ingresso di Britos in coppia con Raul Albiol. Henrique invece non è ancora a disposizione di Benitez.

© Riproduzione Riservata.