BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Napoli-Milan: i voti della partita (Serie A)

Pubblicazione:sabato 8 febbraio 2014 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 12 febbraio 2014, 14.03

(INFOPHOTO) (INFOPHOTO)

 

MILAN

Abbiati, 6: poverino, lui c'entra poco: si vede sbucare maglie azzurre ovunque, e fa quel che può. Talvolta in maniera rude, come su Mertens, ma quantomeno efficace.

De Sciglio, 5.5: poca spinta, assiste male l'attacco. Cerca più di coprire Insigne, e certo gli va meglio che a Emanuelson.

Rami, 6.5: sensazione che la difesa si aggrappi a lui. Un paio di scivolate disperate ma tremendamente importanti, salva più di una situazione spinosa.

Mexes, 5.5: è il cancello debole della difesa. Da lui taglia Higuain per il vantaggio partenopeo, dalla sua parte passa la palla di hamsik che porterà al tris. 

Emanuelson, 5: nè carne nè pesce. Non attacca; difende? Ma che! Dalla sua parte Mertens fa ciò che vuole, come vuole e quando vuole.

De Jong, 5: manca filtro a centrocampo, così come il collegamento tra i reparti: e la colpa principale è la sua.

Essien, 5.5: un pochino meglio del collega, solo per la scusante della novità e per la qualità fatta vedere in un paio di discese e in una conclusione pericolosa. Ma anche lui, quanti errori banali!

Abate, 5: nel primo tempo è totalmente spaesato, da trequartista; Seedorf lo vede, e lo sposta dietro, ma la situazione non è che migliori più di tanto.

Taarabt, 6.5: senza dubbio il migliore dei suoi. Un gol molto bello, oltre a diverse giocate importanti, che spezzano il ritmo del Napoli e riportano su i suoi. Ma predica nel deserto.

Robinho, 5: da incubo, non combina nulla, anzi nemmeno ci prova. Forse meglio così, perchè quando mette lo zampino nelle azioni, le getta al vento.

Balotelli, 5.5: servito poco e male, fa quel che può, ma è abbandonato alla difesa del Napoli, fisica ed esperta. 

Kakà, 5: un'accelerazione in avvio di ripresa, e basta. Stava male, e lo si è visto.

Montolivo, 5.5: non cambia volto alla squadra, che si getta più avanti solo per la remissione del Napoli.

Pazzini, 5.5: anche lui abbandonato al suo destino, deve lottare per tenere un minimo di pallone in mezzo ad almeno due maglie avversarie.

Seedorf, 5: quanta strada da fare. Ma lui ci sta provando, eccome: centra il bersaglio con Taarabt, anche se cicca totalmente l'intuizione di Abate in trequarti. Balotelli così è troppo solo: affiancargli Pazzini dall'inizio? E poi il centrocampo: serve qualcuno che dia qualità, che colleghi il gioco...uno tipo Montolivo. Ah, era in panchina?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.