BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni/ Verona-Juventus, ultime novità (serie A, 23a giornata)

Andrea Mandorlini, allenatore del Verona (Infophoto) Andrea Mandorlini, allenatore del Verona (Infophoto)

Solita vigilia di silenzio per Antonio Conte, che ha già fatto sapere - salvo passi indietro - che fino al termine del campionato non presenzierà ad alcuna conferenza stampa in preparazione di una partita. Il tecnico salentino ha scelto questa linea per evitare polemiche: si riferiva alle voci di dissenso tra lui e la dirigenza in tema di calciomercato. La formazione non ha comunque bisogno di essere svelata: l'unica modifica rispetto all'undici che ha battuto l'Inter - a parte il rientro di Buffon dopo la squalifica - riguarda la difesa, dove Caceres gioca sul centrodestra e affianca Bonucci e Chiellini. Il resto è immutato: confermato Pogba sul centrosinistra a centrocampo, titolare Pirlo come regista con Arturo Vidal sul centrodestra. Sugli esterni gli infaticabili Lichtsteiner e Asamoah. Non può che essere composta da Tevez e Llorente la coppia offensiva: ormai lo spagnolo è una certezza, mentre l'Apache va a caccia del primo gol nel 2014.

E' la prima in panchina per Pablo Daniel Osvaldo, che aveva seguito dalla tribuna la partita contro l'Inter; in settimana si è allenato ed è dunque a disposizione. Vedremo come lo gestirà Conte: per vedere Llorente stabilmente in campo abbiamo dovuto aspettare circa un mese, qui la differenza è che Osvaldo ha giocato con il Southampton (anche se non tantissimo) e quindi dovrebbe già essere in forma, rappresentando un'arma in più per i bianconeri. Confermato il "fermo" per Fabio Quagliarella: la società ha smentito che fosse stato messo fuori rosa, fatto sta che oggi è in tribuna e dà credito alle voci di una separazione già avvenuta e che potrebbe anche diventare effettiva entro fine mese (c'è sempre il Guanghzou in agguato). Così, restano Vucinic e Giovinco a completare l'attacco di Conte.

 Quagliarella a parte, l'unico indisponibile è Barzagli: il difensore convive con la tendinopatia da inizio stagione e ogni tanto è costretto a fermarsi. Sostituito nella ripresa della gara contro l'Inter, non ha recuperato in tempo e dunque dovrà guardare dalla tribuna la partita di oggi. Dovrebbe comunque tornare a disposizione per la prossima (in casa contro il Chievo).