BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Andy Murray/ News tennis, Ivan Lendl non è più il coach dello scozzese

News tennis, Andy Murray e Ivan Lendl hanno deciso di interrompere il loro rapporto professionale. Sotto la guida dell'ex campione lo scozzese ha vinto Wimbledon, le Olimpiadi e gli Us Open

Foto Infophoto Foto Infophoto

Ora partiranno i gossip e le indiscrezioni: chi ha davvero deciso di dire basta? La notizia ufficiale, come si legge dal sito del tennista scozzese, è che Andy Murray e il suo (ormai ex) coach Ivan Lendl hanno scelto di comune accordo di interrompere il loro rapporto. "Lavorare con Andy negli ultimi due anni è stata una fantastica esperienza, sarò sempre un suo tifoso e gli auguro tutti i migliori successi" ha detto l'ex campione cecoslovacco, aggiungendo che "avendolo aiutato a raggiungere il suo obiettivo di vincere Slam sento che è arrivato il momento di fare altro". Dall'altra parte ci sono anche le parole di Murray, che si dice "eternamente grato a Ivan, questi due anni sono al momento il periodo più vincente della mia carriera. Come team abbiamo imparato molto e questo mi sarà di aiuto in futuro. Mi prenderò del tempo con loro per decidere i prossimi passi". Insomma: pare che a voler chiudere tutto sia stato Lendl, ma vallo a sapere. Quel che è certo è i risultati sono sotto gli occhi di tutti: dal 2012 Andy Murray ha vinto gli Us Open e Wimbledon, primo britannico a riuscirci dopo 77 anni; ha portato a casa l'oro olimpico sullo stesso campo centrale dell'All England Lawn, ha giocato la finale degli Australian Open 2013, vinto il Master 1000 di Miami ed è tornato al numero 2 del ranking ATP. Soprattutto, ha finalmente dato l'impressione di poter competere ad armi pari con i big della sua epoca, strappando loro titoli. Un infortunio alla schiena nella seconda parte dell'anno appena trascorsa lo ha costretto a operarsi, saltare gli Us Open e rientrare molto a rilento (a Indian Wells ha fatto molta fatica ed è stato eliminato agli ottavi da Milos Raonic). Stando a quanto detto da Lendl, allenare al momento non gli interessa: vuole dedicarsi maggiormente al tennis giocato, negli eventi e nel circuito senior. Un vero peccato: vedere la felicità sul volto di Ivan, lui sempre così restio ai sorrisi, nel momento in cui Murray vinceva Wimbledon è stato impagabile. Andy lo aveva omaggiato all'epoca: "Ci hai provato così tante volte quando giocavi, questo ti ripaga di tutti gli sforzi". E lui era commosso sotto gli occhiali da sole. E' sempre interessante vedere un grande campione del passato che si trova dall'altra parte della barricata, e in particolare in questo periodo stiamo assistendo a un clamoroso ritorno di eroi leggendari...