BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Probabili formazioni / Borussia Dortmund-Zenit San Pietroburgo, le ultime novità (Champions League, ritorno ottavi)

Probabili formazioni Borussia Dortmund-Zenit San Pietroburgo: le ultime notizie sulla partita di Champions League, valida per il ritorno degli ottavi di finale (andata 4-2)

Robert Lewandowski (Infophoto)Robert Lewandowski (Infophoto)

Questa sera si completano gli ottavi di Champions League, con la disputa delle ultime due partite di ritorno. Alle ore 20.45 riflettori puntati su Borussia Dortmund-Zenit San Pietroburgo, che al Westfalen Stadion daranno vita ad una partita il cui destino appare a dire il vero già segnato dopo che i tedeschi all'andata sono andati a vincere per 4-2 in Russia. Ora allo Zenit servirebbe vincere in trasferta con tre gol di scarto: quasi impossibile da immaginare per una squadra in difficoltà, che ha appena esonerato Luciano Spalletti e in attesa di Andre Villas Boas sarà guidata da Sergei Semak. Strada spianata per i vice-campioni d'Europa in carica, che vedono ad un passo un nuovo accesso tra le prime otto squadre d'Europa. Eccovi le ultime notizie sulle due squadre e le probabili formazioni di Borussia Dortmund-Zenit San Pietroburgo, match che sarà diretto dall'arbitro spagnolo Undiano Mallenco.

Così ha parlato Jurgen Klopp nella conferenza stampa alla vigilia: “In teoria giocheremo questa gara come se fosse il secondo tempo di una partita normale. Siamo riusciti ad accumulare un po' di esperienza nella fase a eliminazione diretta della Champions League. Ci siamo messi in una buona posizione in vista del ritorno con la prestazione di San Pietroburgo: niente di più, niente di meno. Non rischieremo molto, ma difendere il vantaggio e basta sarebbe altrettanto stupido, quindi giocheremo una gara normale. Abbiamo raggiunto i nostri obiettivi in Champions League superando la fase a gironi. Tutto quello che succede da ora in poi è qualcosa in più per il club, e non ci sarebbero buchi di bilancio nel caso uscissimo. Le cose sono diverse in Bundesliga. Lì il nostro obiettivo è chiaramente quello di qualificarci per la prossima Champions League. Alcuni osservatori potrebbero pensarla diversamente, ma siamo sulla strada giusta. Devi ottenere il massimo da ogni competizione e trattarne ciascuna in modo diverso”. Nonostante i tanti assenti, la squadra sarà comunque di ottimo livello, dal leader della difesa Hummels fino ad un attacco di grande qualità con il trio Aubameyang-Mkhitaryan-Grosskreutz alle spalle della punta centrale Lewandowski.

I tanti indisponibili (vedi sotto) condizioneranno soprattutto la composizione della panchina, dove le alternative di spicco inevitabilmente saranno poche visto che economicamente il Borussia non è all'altezza delle super-potenze europee. Il nome di spicco sarà il difensore Friedrich.

L'elenco degli assenti gialloneri è, come ormai da tanto tempo, assai lungo. L'ultima brutta notizia per Klopp è il guaio muscolare che impedirà a Reus di giocare: inutile rischiare vista la situazione, specie per una squadra che deve rinunciare già a quattro teorici titolari, tutti infortunati, cioè Subotic, Blaszczykowski, Bender e Gundogan. Anche così si spiegano i 23 punti di ritardo dal Bayern in campionato: impossibile tenere il passo della corazzata bavarese con così tanti assenti.