BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Fiorentina-Lazio (0-1): i voti della partita (Serie A, 26^giornata)

Fiorentina

Incolpevole sul goal di Cana, il tiro è troppo veloce e da distanza troppo ravvicinata e stasera i suoi difensori non danno il meglio di loro. Si supera nella ripresa su Onazi, lanciato in contropiede.

Soffre gli attacchi di Lulic e in particolare Candreva, non riesce a spingere sulla sua fascia. Falloso e ammonito.

Pasticcia in occasione del goal prolungando corto in area dopo la spizzata di Ciani col risultato che si sblocca ma a favore laziale. Tenta di impostare ma i suoi lanci lunghi sono troppo imprecisi e si trasformano spesso in rimesse da fondo. Va male al tiro.

Subisce la serata negativa della squadra, contiene Perea che per fortuna non è Klose ma si perde spesso.

Il capitano della Fiorentina parte benissimo e impensierisce spesso con le sue spinte lungo la fascia sinistra ma poi si perde.

Non riesce ad essere incisivo e andare quel brio che solitamente sa dare. Batte diverse punizioni ma non è pericoloso, meglio Pasqual da calcio piazzato.

Serata storta, non riesce ad essere ai suoi livelli come tutta la squadra e Ambrosini non è né Borja Valero né Pizarro. Non si trova coi compagni ma sfiora comunque l’1-1 di testa.

Montella si affida alla sua esperienza viste le assenze ma l’ex milanista non ripaga l’occasione di giocare dal primo minuto. Si fa ammonire all’8’ per simulazione, non riesce a giocare un pallone e ricorre a troppi falli. Sostituito al 57’.

La Lazio lo contiene benissimo e viene servito dai compagni con palloni alti: non certo il suo forte.

Si vede pochissimo, non riesce a sfondare col suo fisico e riesce a toccare pochissimi palloni. Prezioso nel conquistare punizione quando la sua squadra deve salire.

Era partito bene. Viene però servito poco dai compagni e così se l’allenatore decide che bisogna cambiare per inserire un’altra punta di ruolo, è lui che deve lasciare il campo. Meritava comunque più fiducia.

Dovrebbe dare peso all’attacco della sua squadra ma più di quello che ha fatto Matri non riesce, forse anche meno.

Da subentrato ci mette comunque qualche istante per entrare in partita ma è sua la clamorosa occasione che vede Marchetti alzare palla sopra la traversa.

Forse patisce un po’ l’emozione il giovane trequartista che è più volenteroso che pragmatico.

All. RUSSO 5,5 Sostituisce Montella in panchina e si sbraccia e dà la carica ai suoi ma la serata è di quelle sfortunate e non riescono a ribaltare la situazione.

(Alessandro Rinoldi)