BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Morto Bellini/ Addio Luiz, capitano del Brasile Mondiale 1958. Giocò con Garrincha e "lanciò" Pelè

Hilderaldo Luiz Bellini con la Coppa Rimet che vinse nel 1958Hilderaldo Luiz Bellini con la Coppa Rimet che vinse nel 1958

... che Feola decise di gettare nella mischia le sue giovani armi segrete. Nacque così una squadra talmente popolare che in Brasile – ma anche fuori – i nomi dei suoi componenti sono snocciolati come una filastrocca che si insegna ai bambini a scuola: Gilmar, Bellini, Djalma Santos, Nilton Santos, Orlando, Zito, Garrincha, Didi, Vava, Pelé, Zagalo. Una sinfonia, più che una formazione. Il resto è storia. La foto di Bellini che solleva la Coppa Rimet – e fu il primo a fare questo storico gesto entrato poi nell'immaginario collettivo di tutte le edizioni seguenti del Mondiale – divenne talmente nota e gli regalò una popolarità tale che egli divenne il primo calciatore brasiliano a sfruttare la sua immagine a fini pubblicitari. Altrettanto storiche sono le immagini che ritraggono il diciassettenne Pelé, sopraffatto dalla commozione, piangere a dirotto dopo aver segnato due gol – di cui uno leggendario – nella finale con la Svezia, una squadra a sua volta strepitosa che poteva contare su campioni come Nils LiedholmGunnar Gren, Kurt Hamrin e "Naka" Skoglund, grandissimi protagonisti anche in Italia. Pelé pianse fra le braccia di Bellini, naturalmente. Il suo capitano.

© Riproduzione Riservata.