BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Scherma/ Margherita Granbassi annuncia il ritiro: troppi infortuni

Scherma, il ritiro di Margherita Granbassi annunciato all'Ansa. La triestina abbandona l'agonismo dopo l'ennesimo infortunio, subito a Torino nella Coppa del Mondo di fioretto femminile

Margherita Granbassi (Infophoto) Margherita Granbassi (Infophoto)

SCHERMA, RITIRO MARGHERITA GRANBASSI – Margherita Granbassi getta la spugna. La fiorettista triestina dice addio alla scherma annunciando all'Ansa il proprio ritiro. Sulla decisione dell'atleta pesano i troppi infortuni subiti, l'ultimo dei quali pochi giorni fa a Torino, nel corso della tappa italiana della Coppa del Mondo di fioretto femminile, nella quale l'Italia per l'ennesima volta ha vinto la gara a squadre. La gara individuale invece aveva portato la brutta notizia per Margherita, che proprio a Torino faceva il suo rientro nelle competizioni internazionali dopo un precedente stop. Già nel tabellone delle qualificazioni, però, ecco la distorsione al ginocchio destro che ha posto fine alla carriera della Granbassi. “Non ne posso più di infortuni”, ha dichiarato l'atleta all'Ansa, aggiungendo: “E' il momento di dire basta alle gare”. Dunque finisce tristemente la vita agonistica di una schermitrice che ha scritto pagine importante nella storia dello sport italiano, contribuendo a molti successi del Dream Team del fioretto: nel palmares della Granbassi troviamo due bronzi olimpici, sia individuale sia a squadre a Pechino 2008; tre titoli mondiali, individuale proprio a Torino nel 2006 e a squadre nel 2004 e nel 2009 (oltre ad altrettanti argenti iridati), agli Europei due ori, un argento e tre bronzi, mentre nel 2005 vinse la classifica generale della Coppa del Mondo di fioretto femminile. Gli ultimi successi risalgono però dal 2009: da allora gli infortuni hanno cominciato a condizionarla in modo sempre più pesante, tanto da spingere Margherita ad intraprendere con sempre maggiore decisione la carriera giornalistica, che a questo punto dovrebbe diventare la sua attività principale.

© Riproduzione Riservata.