BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Diretta/ Bologna-Atalanta (risultato finale 0-2): decidono De Luca ed Estigarribia! Il tabellino (Serie A, 31^ giornata)

Diretta Bologna Atalanta (0-2): risultato live, tabellino e cronaca della partita (serie A, 31a giornata). I nerazzurri vincono ancora con i gol di De Luca ed Estigarribia

Foto InfophotoFoto Infophoto

Finisce 2-0 in favore degli ospiti Bologna-Atalanta, partita valida come primo anticipo della trentunesima giornata di serie A. Allo stadio Renato Dall'Ara fanno festa solamente i nerazzurri di Stefano Colantuono, che hanno chiuso la pratica già nel primo tempo, nel giro di quattro minuti, con i gol segnati da Giuseppe De Luca al 22' minuto di gioco e da Marcelo Estigarribia al 26'. Per l'Atalanta la sesta vittoria consecutiva è un record storico assoluto, perché finora al massimo la società bergamasca era arrivata a quota cinque successi. Una vittoria che possiamo definire meritata: l'Atalanta ha dimostrato nel primo tempo di possedere più qualità e convinzione, poi nella ripresa ha gestito la situazione senza troppi affanni contro un Bologna demoralizzato e sull'orlo del baratro. Infatti, se i lombardi consolidano il settimo posto e vedono sempre più vicina la zona Europa League, per il Bologna viene confermata una scomodissima quartultima posizione, sperando soltanto che i risultati delle partite di domani non vadano a peggiorare ulteriormente la situazione. La panchina di Ballardini è ora seriamente a rischio. 

Curci; Garics, Antonsson, Natali, Cherubin; Crespo (dal 46' Ibson), Perez (dal 46' Cristaldo), Krhin, Christodoulopoulos; Moscardelli, Acquafresca (dal 64' Bianchi). A disp.: Stojanovic, Malagoli, Sorensen, Cech, Mantovani, Pazienza, Friberg, Laxalt, Paponi. All.: Ballardini.

Consigli; Nica, Stendardo, Lucchini, Del Grosso; Estigarribia, Baselli (dal 72' Cigarini), Carmona, Bonaventura (dal 82' Raimondi); De Luca; Denis (dal 67' Livaja). A disp.: Sportiello, Scaloni, Bellini, Yepes, Giorgi, Migliaccio, Konè, Brienza, Betancourt. All.: Colantuono.

Arbitro: Valeri.

Marcatori: 22' De Luca (A), 26' Estigarribia (A).

Ammoniti: Moscardelli, Acquafresca (B), Stendardo, Livaja (A).

Al 26' minuto di gioco il risultato è Bologna 0 Atalanta 2. Il gol dell'immediato raddoppio nerazzurro è stato segnato da Marcelo Estigarribia con una perfetta conclusione da fuori area, da ammirare sia per la potenza sia per la precisione. Il sudamericano riceve palla da un ottimo De Luca e "spara" questo missile che non dà scampo al Bologna. 

Al 22' minuto di gioco il risultato è Bologna 0 Atalanta 1. Il gol è stato segnato da Giuseppe De Luca, che segna per la seconda partita consecutiva: il giovane attaccante nerazzurro si destreggia al limite dell'area, poi trova lo spazio per colpire con un uno splendido tiro che "bacia" il palo e finisce in rete. 

Le formazioni ufficiali della partita Bologna-Atalanta, che vivremo in diretta tra poco e sarà valida per la trentunesima giornata di campionato. Tra i rossoblù c'è la novità Moscardelli, perché Kone ha dovuto dare forfait in extremis. Tutto secondo le previsioni, invece, tra i nerazzurri di mister Colantuono a caccia della sesta vittoria consecutiva. Curci; Garics, Antonsson, Natali, Cherubin; Crespo, Perez, Krhin, Christodoulopoulos; Moscardelli, Acquafresca. All.: Ballardini. A disp.: Stojanovic, Malagoli, Sorensen, Cech, Mantovani, Pazienza, Ibson, Friberg, Laxalt, Cristaldo, Bianchi, Paponi. Consigli; Nica, Stendardo, Lucchini, Del Grosso; Estigarribia, Baselli, Carmona, Bonaventura; De Luca; Denis. A disp.: Sportiello, Scaloni, Raimondi, Bellini, Yepes, Cigarini, Giorgi, Migliaccio, Konè, Brienza, Livaja, Betancourt. All.: Colantuono. Arbitro: Doveri. 

Bologna-Atalanta è una partita che vede di fronte una squadra che ha bisogno disperato di punti salvezza e un altra che può giocare totalmente tranquilla avendo già centrato l'obiettivo. La totale fiducia di cui godono gli orobici può essere il punto in grado di fare la differenza; il Bologna si trova davanti a un bivio tattico, perchè preferisce sempre giocare con le ripartenze e quindi avere un centrocampo molto fisico e folto in grado di frenare la manovra avversaria. Può mettere in pratica questo schema anche questa sera, ma sa bene che l'Atalanta ormai pratica un gioco a memoria e può andare incontro a rischi qualora si abbassi troppo nel baricentro e lasci troppa iniziativa ai felsinei. L'altra soluzione è quella di condurre la partita; mettere subito in chiaro le cose e imporre il gioco per andare a cercare il gol del vantaggio. Gioca in casa e sarebbe l'idea migliore; ma gli orobici sono bravissimi a giocare in contropiede, lo spingono benissimo con giocatori rapidi quali Bonaventura e Maxi Moralez e la mossa potrebbe non essere felice. Ballardini dovrà essere bravo a bloccare le corsie dell'Atalanta e giocare maggiormente al centro, dove la mancanza di un vero incontrista nella squadra nerazzurra potrebbe volgere la sfida in favore del Bologna. 

La prima partita in programma per la 31^ giornata è Bologna-Atalanta. Una sfida che secondo i pronostici Snai si preannuncia decisamente equilibrata: infatti la quota per la vittoria dei felsinei è di 2,35 contro il 3,25 per l'affermazione dell'Atalanta; il pareggio è a 3,00 e questo ci fa dunque capire come il fattore campo aiuti il Bologna a riprendere quota, sulla carta, rispetto alle cinque vittorie consecutive degli orobici. Si affrontano due squadre poco abituate a dominare l'avversario: questo si riflette nelle quote Under (1,60) e Over (2,20) ma anche in quelle Goal (1,85) e NoGoal (1,85) lasciando presagire che non dobbiamo aspettarci un grande spettacolo offensivo. Per quanto riguarda altre possibili scommesse, è interessante il 30 che viene assegnato al Bologna qualora ribalti un primo tempo chiuso in svantaggio, ma anche il 28 se dovesse accadere il contrario; anzi, meglio forse andare su questo visto che l'Atalanta ha mostrato di non mollare mai in queste ultime giornate. Sul risultato esatto potete sbizzarrirvi: noi possiamo ricordare un 2-1 del Bologna nella scorsa stagione e un 1-0 nel 2008 che rappresenta l'ultima vittoria dell'Atalanta al Dall'Ara. 

Alle ore 18 di questo pomeriggio la Serie A 2013-2014 torna subito con la 31^ giornata. Al Dall'Ara si gioca Bologna-Atalanta, diretta dall'arbitro Valeri: una partita vitale per i felsinei, decisamente meno per gli orobici che però hanno motivi per fare una bella gara e portarsi a casa la vittoria. La situazione di classifica dice che i padroni di casa hanno 26 punti: occupano attualmente il quartultimo posto e sarebbero salvi, ma c'è tanta bagarre in fondo e abbiamo già visto come tutte possano avere una giornata di grazia, vincere e rimettere tutto in discussione. La quota salvezza per questo motivo si è notevolmente abbassata e molto probabilmente serviranno meno dei canonici 40 punti, ma i felsinei hanno una tradizione negativa negli scontri diretti. Poi c'è l'Atalanta, una squadra che la sua permanenza in Serie A l'ha già costruita nelle scorse giornate e che arriva da una clamorosa striscia di risultati: cinque vittorie consecutive, che rappresentano un record eguagliato per la società. Logico che ci sia la volontà di migliorarsi e di vedere fin dove si può arrivare. E c'è anche di più: con la vittoria di mercoledi sera l'Atalanta si è portata a quota 43 punti in classifica, il che vuol dire che adesso la distanza con il sesto posto utile per la qualificazione in Europa League è di soli 4 punti. Sarebbe un peccato non provarci fino in fondo: dovesse fallire, la squadra lombarda non avrebbe nulla di cui rammaricarsi - visto l'obiettivo di inizio stagione - ma per contro tornare a giocarsi una competizione europea dopo più di vent'anni sarebbe un traguardo eccezionale per il gruppo e la dimostrazione dell'enorme lavoro di Stefano Colantuono. Il bilancio recente sorride al Bologna, che non perde da tre partite: lo scorso anno vinse 2-1, stesso punteggio con cui l'Atalanta si era imposta nella partita di Bergamo. In più, gil emiliani non perdono al Dall'Ara contro l'Atalanta dal 2008, quando gli orobici si imposero con il risultato di 1-0. I doppi ex non sono pochi: ricordiamo gli attaccanti Robert Acquafresca e Rolando Bianchi, oggi compagni di squadra a Bologna ma con un passato nell'Atalanta; e l'esterno austriaco Gyorgy Garics, che ha giocato a Bergamo tra il 2008 e il 2010 con 65 presenze e un gol in campionato. Per quanto riguarda gli allenatori c'è Francesco Guidolin: nel 1993 era all'Atalanta, ma fu esonerato dopo 10 giornate. Molto meglio a Bologna: quattro anni con un settimo posto nel 2001-2002, quando la squadra rimase in lotta per la Champions League fino alle ultime giornate. 

Il Bologna sta perdendo tante occasioni sulla sua strada. A oggi avrebbe potuto essere quasi al sicuro, e invece deve soffrire e lottare fino al termine per ottenere la salvezza. Il motivo? Gli scontri diretti. Domenica i felsinei battevano il Cagliari e sembravano fare un bel passo in avanti, ma poi hanno perso a Verona contro il Chievo, rimettendo tutto in discussione. Prima ancora avevano perso a Livorno, pareggiato in casa contro il Sassuolo e sprecato un calcio di rigore ancora al Bentegodi, questa volta contro il Verona, pareggiando 0-0. Insomma: un cammino costellato di alti e bassi, ma soprattutto fatto di difficoltà contro le avversarie dirette per la salvezza. Va detto comunque che l'obiettivo era molto difficile in partenza, ed è diventato ancora più complicato da quando Alessandro Diamanti ha lasciato la squadra per andare a giocare in Cina. Nonostante ciò, il Bologna ha provato a tenere botta con ottime prestazioni (per esempio la vittoria di Torino contro i granata) e ancora oggi ha dietro tre squadre; tuttavia bisogna ora cominciare a vincere anche le partite che non ci si aspetterebbe di portare a casa, perchè sono tante le squadre in competizione e può succedere di tutto. L'Atalanta ha centrato un record mercoledi sera: battendo 2-0 il Livorno ha eguagliato una striscia di 5 vittorie consecutive che da quelle parti non vedevano da 24 anni. Incredibile il lavoro di Stefano Colantuono: a inizio stagione gli orobici sembravano destinati a un altro campionato di fatiche e corsa salvezza fino alle ultime giornate. Dopo aver preso 4 gol in casa dal Parma e aver pareggiato contro l'Udinese la squadra ha però cambiato passo: messe in fila Chievo (2-1), Lazio (1-0 a Roma), Sampdoria (3-0), Inter (2-1 a San Siro) e appunto Livorno. Una grande striscia, che ha tanti protagonisti: da Denis a Bonaventura, da Cigarini a Colantuono che ha costruito un gruppo che gioca a memoria e ha tanta fiducia. La classifica è fantastica: con 43 punti la distanza dal sesto posto è di soli 4 punti. Significa che l'Europa League è ampiamente possibile: certo non sarà un'impresa immediata perchè il Parma resta comunque favorito e anche la Lazio ha qualcosa in più. Poi, il calendario non è agevole se si pensa che gli orobici devono ancora affrontare Roma e Juventus in trasferta, e il Milan in casa. Tuttavia provarci non costa nulla: vedremo allora se gli orobici avranno quello scatto in più per portare a casa un traguardo che sarebbe storico, o se invece il Bologna si saprà rialzare mettendo anche fine alla striscia nerazzurra. Non resta che metterci comodi e dare la parola al campo: la diretta di Bologna-Atalanta sta per cominciare...

© Riproduzione Riservata.