BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Probabili formazioni/ Napoli-Juventus: i ballottaggi (Serie A, 31^ giornata)

Foto InfophotoFoto Infophoto

Come sempre Antonio Conte non ha parlato in conferenza stampa; la sua Juventus si prepara al momento decisivo della stagione, perchè questa partita potrebbe essere decisiva per le sorti dello scudetto (in caso di vittoria sarebbe fatta) ma giovedi si va a Lione, per un'Europa League che non era certo una priorità nel momento in cui è arrivata l'eliminazione dal girone di Champions ma lo è diventata con la vittoria di Firenze, perchè adesso il traguardo è molto più vicino e la finale casalinga è una realtà ben più tangibile di quanto non lo fosse a dicembre. Nonostante questo si onora la partita del San Paolo, che rispetto alla Gerland resta ancora più importante: in difesa c'è sempre Caceres ad affiancare Bonucci e Chiellini, a centrocampo ci sono i mezzi pesanti con Pirlo a dettare il ritmo e la coppia Vidal-Pogba a proteggergli il fianco e rendersi pericoloso con gli inserimenti. Lichtsteiner e Asamoah sulle fasce, mentre davanti sembra che il favorito per affiancare Fernando Llorente sia Osvaldo, che ha la grande occasione di segnare il primo gol in campionato (lo scorso anno segnò con la maglia della Roma qui al San Paolo).

Non gioca dunque Marchisio, che però ha recuperato e a tutti gli effetti dovrebbe essere titolare in Europa League. C'è anche Mirko Vucinic: il montenegrino ha voglia di farsi valere al di là del suo possibile futuro, che dovrebbe essere lontano da Torino. Rimane l'unico attaccante a disposizione insieme a Sebastian Giovinco, che nelle ultime uscite ci ha messo tanto impegno e ha ritrovato - così pare - il feeling con i tifosi. Mattiello e Penna completano la panchina arrivando dalla Primavera, occhio a Isla che sta particolarmente bene e potrebbe essere un'arma importante per il secondo tempo. 

Squalificato Carlos Tevez: assenza pesante, finora l'Apache ha saltato pochissime partite e solo quando è stato costretto. Mancherà il suo peso in attacco, i suoi 18 gol e la sua voglia di lottare. Insieme a lui sono sempre fermi Barzagli e Ogbonna - entrambi sulla via del recupero - fuori anche Peluso e l'ormai "desaparecido" Simone Pepe, mentre ultimamente si è fermato anche Fabio Quagliarella che sembrava poter giocarsi un posto da titolare.