BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Nazionale/ Prandelli risponde a Conte: Chiellini? Ho il diritto di convocarlo

Pubblicazione:

Cesare Prandelli e Giorgio Chiellini (Infophoto)  Cesare Prandelli e Giorgio Chiellini (Infophoto)

NAZIONALE - La bolla è scoppiata, inevitabilmente. Sono arrivate le convocazioni di Cesare Prandelli per l'amichevole che la Nazionale giocherà contro la Spagna, e inevitabilmente sono partite le polemiche. Questa volta però non si parla di codice etico, che pure è scattato anche questa volta e ha colpito Daniele De Rossi (galeotto il pugno rifilato a Mauro Icardi in Roma-Inter, e non visto da Bergonzi e dai suoi assistenti): oggi la polemica riguarda la convocazione di Giorgio Chiellini. I fatti sono noti: il difensore della Juventus, infortunato dallo scorso 9 febbraio, è a disposizione per la partita contro il Milan, ma Antonio Conte lo lascia in panchina perchè evidentemente non al meglio. La sera arrivano le convocazioni della Nazionale, e il nome di Chiellini compare nella lista. Conte, nel post-partita, affronta l'argomento: "Prandelli è stato sgarbato. Giorgio non gioca una partita ufficiale da tre settimane, è tornato ad allenarsi con il gruppo venerdi dopo il Trabzonspor. Mi dispiace e mi rammarica, noi abbiamo piena disponibilità ma mi aspettavo una chiamata del CT, che mi chiedesse come stava Chiellini e se potesse convocarlo". Il titolo l'ha dato lo stesso salentino, premiato oggi con la Panchina d'Oro: Conte attacca Prandelli. Il quale, naturalmente, si è difeso portando le sue ragioni. Eccole: "Alle 23:22 di ieri sera mi è arrivato un messaggio dal medico della Juventus, diceva che tutti i giocatori erano a disposizione. Quando io vedo un calciatore in campo o in panchina ho il diritto di convocarlo: Giorgio si è detto disponibile per prendere parte a questa trasferta, vuole far parte di questo gruppo". E ancora, incalzato dalle domande: "Conte si aspettava una mia chiamata? Io mi sarei aspettato la sua". Il Commissario Tecnico della Nazionale non è andato troppo in là: ha detto la sua, volendo evitare che la polemica si inasprisse. Ora sta a Prandelli: difficile comunque che Chiellini sarà messo in campo mercoledi sera. Tuttavia il Mondiale chiama, e questa è l'ultima amichevole prima di andare in Brasile: altri esperimenti non arriveranno. Certo la presenza del difensore è anche un segnale: il gruppo si cementa anche con la presenza e la risposta alla convocazione. Racconta Marcello Lippi che il grande rapporto con Francesco Totti, e di Totti con la squadra mondiale del 2006, nacque quando il numero 10 della Roma fu invitato dall'allora selezionatore a presentarsi in ritiro nonostante un infortunio alla caviglia. Pochi minuti, qualche risata e il ritorno nella capitale; ma intanto il legame era stretto, e servì in Germania. Questa è anche l'idea di Prandelli, con la speranza, in primis di Conte e della Juventus, che Chiellini non si faccia di nuovo male mercoledi. 

(Claudio Franceschini)



© Riproduzione Riservata.