BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Panchina d'Oro 2013/ Conte vince davanti a Montella e Mazzarri, Di Francesco il migliore della Serie B

Pubblicazione:lunedì 3 marzo 2014

Foto Infophoto Foto Infophoto

PANCHINA D'ORO 2013 - Antonio Conte ha vinto la Panchina d'Oro 2013. Al Centro Federale di Coverciano è stato assegnato il premio riservato agli allenatori italiani di Serie A, con riferimento alla scorsa stagione: il tecnico salentino della Juventus si è aggiudicato il riconoscimento per il secondo anno consecutivo, grazie alla magnifica cavalcata dei bianconeri che hanno ripetuto lo scudetto già ottenuto nel 2011-2012. La Juventus ha ottenuto 87 punti: 27 vittorie, 6 pareggi e 5 sconfitte, con 9 lunghezze di vantaggio sul Napoli e 17 sul Milan. Al secondo posto si è classificato Vincenzo Montella: gli è stato riconosciuto grande merito per aver portato la Fiorentina a due soli punti dal playoff di Champions League, ridando lustro a una società che nelle due stagioni precedenti aveva addirittura rischiato di retrocedere in Serie B. Completa il podio virtuale Walter Mazzarri, capace di spingere il suo Napoli al secondo posto in campionato, rimanendo in lotta con i bianconeri fino a metà del girone di ritorno, mollando di fatto dopo il pareggio nello scontro diretto del San Paolo. Ricordiamo che oggi si assegnava anche la Panchina d'Argento per il migliore allenatore di Serie B e quella d'Oro per la Lega Pro: la prima l'ha vinta Eusebio Di Francesco, autore della storica promozione del Sassuolo con una stagione perfetta e tornato da poche ore proprio sulla panchina dei neroverdi, dopo l'esonero di Alberto Malesani che ne aveva preso il posto ma ha ottenuto zero punti in cinque partite; la seconda è stata invece appannaggio di Roberto Boscaglia, allenatore del Trapani che per la prima volta ha centrato la promozione in Serie B e oggi sta lottando per un posto nei playoff. Per Conte si tratta in realtà del terzo riconoscimento: aveva già vinto nel 2009 per la Serie B, dopo aver condotto il Bari nella massima serie. Il salentino raggiunge così Cesare Prandelli, Alberto Zaccheroni, Carlo Ancelotti e Marcello Lippi a quota due vittorie, mentre in testa rimane Fabio Capello con 3 (il primo successo nel 1992, quando ancora il premio era esteso agli allenatori europei). Conte potrebbe essere vicino a uno storico tris consecutivo, mai riuscito a nessuno: gli 11 punti di vantaggio sulla Roma (sia pure con una partita in più) spalancano le porte del terzo scudetto in fila per la Juventus, e con esso - probabilmente - un altro premio per il suo allenatore. Il ritmo che sta tenendo la squadra piemontese è impressionante: lo scorso anno alla ventiseiesima giornata la Juventus aveva 58 punti, ovvero 11 in meno di quelli che ha raccolto oggi. Se era difficile fare meglio di allora, Conte ci sta riuscendo alla grande: certo dal 3-0 al Siena, settima di ritorno del 2012-2013, i bianconeri avevano poi centrato nove vittorie, due pareggi e una sconfitta; dovendo ancora andare a Roma (contro Rudi Garcia) e Napoli, e con la sfida casalinga contro la Fiorentina, l'impresa di fare comunque più punti non sarà semplice, ma diciamo che la Juventus è sulla buona strada, e Antonio Conte con essa.

(Claudio Franceschini)



© Riproduzione Riservata.