BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Napoli-Juventus (2-0): i voti della partita (Serie A, 31^giornata)

Napoli

Durante la partita non è praticamente mai chiamato in causa, ma ha il merito di essere sempre attento nelle uscite dando sicurezza al reparto difensivo.

Nel primo tempo non ha troppi problemi a contenere le discese di Lichsteiner e può avventurarsi più volte in fase offensiva. Nella ripresa ha qualche difficoltà su Isla che però non riesce a sfruttare lo spazio concessogli.

Questa volta fa valere la propria esperienza e non concede praticamente nulla a Osvaldo e Llorente.

Segue perfettamente i movimenti del compagno di reparto non concedendo spazi alle punte bianconere.

Le sue prestazioni da terzino convincono sempre più nonostante lui sia nato come centrale. Chiude in maniera efficace gli spazi prima ad Asamoah, poi sostituito, e dopo a Lichsteiner spostato sul suo lato. 

Solito lottatore in mezzo al campo, non tira mai indietro la gamba anche se a volte dovrebbe controllarsi. 

Nonostante la sua squadra riesca a condurre la partita, lui si vede poco. Mancano le sue giocate in verticale che possono fare la differenza. Stasera si limita al semplice compitino.

Lo slovacco non segna da novembre. Stasera, a dir la verità, gli gioca contro anche la sfortuna. Prima Orsato gli annulla il gol per fuorigioco e poi Buffon respinge una sua buona conclusione. Il pubblico però gli si stringe vicino, certo che il loro beniamino prima o poi si sbloccherà. (dal 78’ MERTENS 7: Difficile aspettarsi qualcosa in più da lui. Entra e dopo pochi minuti trova il gol che spezza definitivamente le gambe ai bianconeri grazie a un bellissimo diagonale che trafigge Buffon.)

Buffon gli nega più volte il gol, ma lui non si arrende e sigla il vantaggio dei partenopei al 38’. Eccezionale in entrambe le fasi di gioco. (dall’87’ DZEMAILI s.v.)

Per buona parte di gara mette in apprensione la retroguardia bianconera con la sua agilità. È lui a servire l’assist al bacio per Callejon.

Bonucci gli concede pochissimo e lui non è brillante come altre volte a smarcarsi. Benitez se ne accorge e lo sostituisce. (dal 73’ PANDEV 6,5: Benitez azzecca il cambio inserendo il macedone che con la sua intelligenza tattica serve ottimi palloni per i compagni. Suo l’assist per il gol decisivo di Mertens.)

(Federico Montanaro)