BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Sampdoria-Fiorentina (0-0): voti e tabellino (Serie A, 31^ giornata)

Foto Infophoto Foto Infophoto

Da qualche tempo è sempre grande protagonista. Vola sulla punizione insidiosa di Gabbiadini che non vede partire, sventa un altro paio di situazioni scabrose. 

Pesce fuor d'acqua là dietro: si vede che ha sempre la tentazione di partire e restare alto, soffre un po' quando deve contenere, ci mette volontà ma con risultati rivedibili. 

Esce sconfitto dal duello fisico con Maxi Lopez, che per fortuna non è troppo in vena di segnare. Deve ancora oliare qualche meccanismo. 

Lui pure si fa spesso sfuggire i suoi avversari, non dà la sicurezza di cui un reparto raffazzonato avrebbe bisogno. 

Non sale mai e offre il fianco alla Sampdoria, ma dalla sua parte non passa nessuno ed è una nota di merito. 

Mezzo voto in più perchè a centrocampo di fatto lavora da solo ma riesce comunque a impensierire la difesa blucerchiata. ()

Stecca la partita: dovrebbe prendere in mano la squadra e invece si nasconde senza affrontare le sue responsabilità.

Meno lucido di altre occasioni, spreca una bella chance con un tiraccio dentro l'area di rigore. 

Sbaglia l'approccio alla partita, è in una di quelle giornate in cui sembra indolente e non gli riesce quasi nulla. 

( Entra a venti minuti dal termine, mai facile. Ci prova, ma senza esiti)

Costretto al super lavoro per gli infortuni illustri in attacco, sente il peso dell'attesa e si divora un gol. E' fermo a tre reti in Serie A: non è tutta colpa sua, ma serve altro.

Bravo: si propone, è vispo, non si ferma mai. Manca ancora in cinismo e sagacia in campo, ma ha qualità e soprattutto ha voglia di imparare. 

( E' sua l'occasione migliore per la Fiorentina: spara un bolide che solo i legni riescono a fermare)

All. MONTELLA 6 Mai facile giocare con la squadra decimata e senza l'attacco titolare. Lui comunque non rinuncia: subisce la Sampdoria, poi come già in altre occasioni emerge di tecnica con le squadre stanche e prova a vincere. Non ci riesce e questo significa forse dare l'addio al terzo posto, ma di più oggi non poteva forse fare.