BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Italia-Spagna (0-1): i voti della partita amichevole

Italia

Sul suo voto pesa tantissimo l'incertezza in occasione del gol spagnolo. Bravissimo in avvio su Jordi Alba, miracoloso su Thiago Alcantara ma assolutamente poco attento sul tiro di Pedro che lo trafigge da posizione centrale.

Jordi Alba gli va via e lui non riesce a prendere le misure. Spaesato e spesso fuori posizione. Sostituito nella ripresa ( Nettamente meglio rispetto al napoletano. Non fa niente di trascendentale ma almeno limita le incursioni degli spagnoli).

Schierato nel centro della difesa con Barzagli, il difensore del Parma al debutto con la nazionale disputa una partita coi fiocchi. Annulla Diego Costa dal primo all'ultimo minuto e non si lascia mai sorprendere. Vogliamo scommettere che Prandelli lo porta in Brasile?

Meno attento rispetto ad altre occasioni ma comunque sicuro ed affidabile. Il problema questa sera per l'Italia non è stata la difesa bensì il centrocampo. I due centrali hanno fatto bene.

 Gioca un solo tempo ma quanto basta per soffrire le pene dell'inferno in avvio contro Pedro. Con il passare dei minuti il terzino dello Zenit migliora ma non basta per la sufficienza ( Importante recupero per la Nazionale e per il Milan. Annulla Azpilicueta e si propone in azioni offensive).

Uno dei peggiori dell'Italia. Non entra mai in partita e non riesce ad impostare un'azione che sia una. Lento e impacciato finisce preda del pressing spagnolo.

Come il suo compagno di reparto gioca una partita davvero brutta. Al 61' perde un pallone banale che per poco non offre alla Spagna il facile vantaggio. Non ci siamo, forse era stanco? ( Non fa molto per farsi vedere e le sue sgaloppate non si innescano).

Dei tre centrocampisti è il migliore. Cresce fino ad offrire ad Osvaldo un bel pallone sprecato malamente dal compagno. Recupera palloni e prova ad impostare. Va a sprazzi e questo è un problema.

Non pervenuto nei primi 45'. Pochissimi palloni toccati. Non a caso la manovra dell'Italia transita dalla parte opposta dove figura Cerci ( ha classe e qualità e si vede. Tocchi rapidi e traccianti precisi. Peccato che predichi nel deserto).

Uno dei migliori dell'Italia assieme a Paletta. Colpisce un palo e crea apprensione nella difesa spagnola. Veloce e imprevedibile può essere un'arma utile all'Italia in vista dei Mondiali ( Minuti importanti per questo ragazzo che prova ad impensierire pur senza esito la difesa iberica).

Troppo fuori dai giochi. Ha una palla gol e la spreca calciando alle stelle. Non tiene un pallone e invece di far salire la squadra rimane per primo preda del pressing spagnolo ( Ci mette del suo ma è troppo arruffone. Ammonito per un fallo forse evitabile).

Con gli uomini a disposizione schiera la migliore Italia ma di gioco neanche l'ombra e su questo si deve riflettere e non poco. Le uniche indicazioni positive arrivano da Cerci e Paletta.

(Federico Giuliani)

© Riproduzione Riservata.