BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Inter-Torino (1-0), i voti della partita (Serie A, 27^ giornata)

Pubblicazione:domenica 9 marzo 2014 - Ultimo aggiornamento:domenica 9 marzo 2014, 17.32

Foto Infophoto Foto Infophoto

INTER - TORINO: I VOTI DEI GRANATA

PADELLI 5,5 Si fa sorprendere dal gollonzo di Palacio. Prova a riscattarsi nel corso del match, mostrando sicurezza.

DARMIAN 6,5 Risponde bene all’emergenza difensiva  che lo porta a occupare un nuovo ruolo. Acquisisce sicurezza con lo scorrere del cronometro.

GUI. RODRIGUEZ 6 Resiste alle cariche avversarie non perdendo la bussola e indovinando diverse uscite.

E. MORETTI 6 Ritorna dall’infortunio senza postumi. Sceglie con coraggio, non facendosi ingannare dagli avversari.

VESOVIC 5,5 Il debutto in A non è dei migliori. Si ritrova a ricoprire un ruolo tatticamente difficile da interpretare. Ci mette il fiato, manca l’attenzione.

BASHA 6 Affonda spesso il tackle, ma con scarsa efficacia. Da sottolineare comunque il costante apporto alla manovra offensiva. (Dal 40’ s.t. MEGGIORINI s.v.)

VIVES 6 Corre molto spingendosi spesso oltre le linee di centrocampo. Prova a proporre diverse soluzioni in profondità per le punte, ma non trova la misura giusta.

(dal 20’ s.t. TACHTSIDIS 5,5 Non recupera i palloni che Ventura gli chiede, riuscendo a guadagnare un ammonizione ingenua.)

KURTIC 5,5 Gara piuttosto incolore. Non offre la solita tenacia che lo contraddistingue convincendo il tecnico a fare a meno di lui.

(dal 12’ s.t. EL KADDOURI 5,5 Si inserisce poco arrivando spesso in ritardo lì dove i compagni lo cercano.)

FARNERUD 5,5 Non riesce a emergere. Si propone troppo poco non trovando gli spazi giusti.

CERCI 6 Trova i movimenti giusti per imbarazzare la difesa avversaria. Non trova però l’assistenza necessaria a costruire qualcosa di importante.

IMMOBILE 5,5 Taglia sovente in area, muovendosi molto. A lungo resta però fuori dal gioco dei granata.

All. VENTURA 5,5 La squadra necessita di una scossa. La velocità di gambe e di ragionamento non è più quella dell’andata, ma c’è tempo per recuperare.

(Francesco Davide Zaza – twitter@francescodzaza)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.