BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Juventus-Fiorentina (1-0), i voti della partita (Serie A, 27^ giornata)

Pubblicazione:domenica 9 marzo 2014 - Ultimo aggiornamento:domenica 9 marzo 2014, 14.58

Foto Infophoto Foto Infophoto

LE PAGELLE DELLA FIORENTINA

Neto, 6.5: una grande parata su Asamoah, che però serve solo a rimandare il gol del ghanese, sul quale il portiere non può nulla.

Savic, 5.5: in affanno, frettoloso e nervoso.

Diakité, 5: primo tempo da incubo, Asamoah fa quel che vuole. Meglio la ripresa, ma non ci voleva molto.

Pasqual, 5.5: prova incolore, nè spinta nè difesa efficace.

Gonzalo Rodríguez, 5: brutta giornata, non tiene Llorente e fatica a coordinare i movimenti della retroguardia.

Aquilani, 5: sommerso dal centrocampo avversario, non s'impone e non fa nulla per aiutare i suoi.

Pizarro, 5: non riesce a dirigere le operazioni, anzi rischia di mettere in difficoltà i suoi perdendo tre palle sanguinose, una delle quali porta la Juve a un passo dal due a zero.

Anderson, 5.5: comincia molto bene, con grande personalità. Poi sparisce progressivamente dal campo, fino ad essere sostituito a inizio ripresa.

J. Vargas, 6: quando viene innescato con precisione, dimostra di essere pimpante, in palla. Da una sua grande giocata viene l'occasione viola che si spegne sulla traversa.

Mario Gomez, 5.5: è vero che è isolato, è vero che non ne riceve mai una buona. Ma le poche palle che gli girano, le gestisce così così, come quel colpo di testa in ottima posizione che, magari, a settembre avrebbe messo dentro.

Cuadrado, 5.5: si accende per pochi istanti, raramente. Non trova spazio per la sua reattività, nè viene lanciato in profondità. Non era la sua partita.

Mati Fernandez, 6.5: entra bene, restituisce brio e vigore al centrocampo viola e avanza decisamente il baricentro della sua squadra. Probabilmente doveva giocare dall'inizio.

Wolski, 6: anche lui entra bene, con personalità. La squadra sente l'entusiasmo del giovane e prova l'assalto finale.

Ryder Matos, 5.5: sulla testa l'occasione clamorosa del pareggio, lui la sciupa. Che beffa: se ci fosse stato Gomez, sostituito pochi secondi prima?

All. Montella, 5.5: stecca la formazione iniziale: con Mati sarebbe stata un'altra storia. Bravo a correggerla in corsa, sfortunato in occasione della traversa, ma Gomez, o almeno Matri, probabilmente l'avrebbero messa dentro.

(Giovanni Gazzoli)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.