BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Champions League/ News, il Barcellona e un'estate caldissima: è davvero colpa del Tata?

Leo Messi deluso: nemmeno lui è bastato per arrivare in semifinale (Infophoto) Leo Messi deluso: nemmeno lui è bastato per arrivare in semifinale (Infophoto)

tutti quelli che parlano di sfruttare i settori giovanili e far giocare i ventenni dovrebbe forse ricordare che ci sono giovani e giovani. Non sempre ti capita la generazione di Puyol-Xavi-Iniesta; a volte ti può venire fuori quella di Bartra-Montoya-Tello, bravi ma non in grado di fare la differenza da soli. Se poi vendi il più forte (Thiago Alcantara) le possibilità diminuiscono. Soprattutto: dura arrivare dall'Argentina e vincere tutto se le motivazioni non ci sono e si è legati a sistemi che non rendono più come prima. Ecco perchè l'estate a Barcellona è un grosso punto di domanda: se il veto alle entrate sarà bloccato, i blaugrana dovranno affidarsi esclusivamente al vivaio. Rafinha e Gerard Deulofeu, di ritorno dal prestito, promettono tantissimo: sapranno però inserirsi in un ambiente che ha perso le sue certezze, senza senatori a insegnare loro cosa significa giocare al Camp Nou? Saprà Sergi Roberto raccogliere l'eredità di Xavi senza sentire la pressione? E soprattutto: chi ci sarà a guidare questi ragazzi? Tutto porta a pensare che la scelta possa essere ancora una volta interna; ma anche qui, non tutti gli ex calciatori sono Pep Guardiola. E se Luis Enrique qualche capacità l'ha già dimostrata, resta da stabilire se voglia sedersi su una panchina simile, lui che lasciò la Roma per l'eccessivo stress. Insomma: tanti punti di domanda, ma ci si penserà dal 18 maggio: prima c'è una Liga da vincere, con la tappa obbligata della Copa del Rey nell'ennesimo Clasico.

(Claudio Franceschini)

© Riproduzione Riservata.