BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

COPPA DEL RE 2014/ Video, Barcellona-Real Madrid (1-2): gol, sintesi e highlights della finale. I festeggiamenti a Madrid!

Video Barcellona Real Madrid (1-2): i gol di Di Maria, Bartra e Bale. I blancos si aggiudicano la Coppa del Re 2013-2014: decisiva la rete del gallese a cinque minuti dal termine della gara

Lo stadio Mestalla di Valencia, teatro della finale di Coppa del Re (Infophoto) Lo stadio Mestalla di Valencia, teatro della finale di Coppa del Re (Infophoto)

La diciannovesima Coppa del Re è arrivata nella notte di mercoledì 16 aprile, sul neutro di Valencia e contro i rivali di sempre. Grande festa per il Real Madrid che ha battuto il Barcellona per 2-1, nella finalissima della coppa nazionale (clicca qui per le pagelle e clicca qui per i gol della partita). Di ritorno a Madrid le Merengues hanno trovato migliaia di tifosi esultanti ad accoglierli. I festeggiamenti sono proseguiti in Plaza de Cibeles dove la squadra è "sbarcata" a bordo di un pullman scoperto con la scritta 'Campeones'. 

La Coppa del Re va al Real Madrid dopo una partita avvicente decisa soltanto nei minuti finali. Andiamo però con ordine perchè il primo tempo è tutto di stampo madrileno con gli uomini di Ancelotti a tratti scatenati mentre quelli di Martino disorientati, quasi impauriti e senza idee. A suonare la sveglia c'ha pensato Bale, vicino al gol con due conclusioni da centro area fuori di un soffio. Al 10' arriva il meritato 1-0 del Real Madrid ad opera di Di Maria. Parte tutto da un pallone perso in zona d'attacco da Dani Alves che da il via libera ad Isco; l'ex Malaga serve Bale che allarga il gioco sulla sinistra per Benzema. per il francese è facile aprire dalla parte opposta per Di Maria lanciato in campo aperto. A tu per tu con Pinto il tiro dell'argentino termina in rete. Prova a rispondere il Barcellona anche se Casillas nel primo tempo è uno spettatore non pagante. Il possesso palla dei catalani raggiunge picchi elevati anche se di tiri in porta di una certa pericolosità nel primo tempo non se ne vedono. Nella ripresa è ancora Bale  a mettere i brividi ai tifosi blaugrana con una "puntata" uscita di un niente a Pinto ormai battuto. Messi è un fantastma allora ci prova Bartra dalla distanza a riaggiustare il match ma Casillas non si lascia sorprendere. Poco dopo arriva però il pareggio targato proprio Bartra. Siamo al minuto 67' quando da un corner battuto in mezzo Pepe si perde il centrale avversario che solo può staccare indisturbato e battere per la prima volta in questa Coppa del Re Casillas per l'1-1. Pareggio che sembrava portare le due squadre ai supplementari fino a quando Bale non si trasforma in Superman. Il Barcellona perde palla in modo ingenuo sulla trequarti delle Merengues e Bale viene lanciato dalla mediana: il gallese si fa più di metà campo con uno sprint mostruoso. Bartra non riesce a stenderlo e lui arrivato a tu per tu con Pinto non sbaglia il sorpasso a pochi minuti dal termine della partita. Fallisce invece all'88' il facile pareggio Neymar: Xavi serve rasoterra il brasiliano che da posizione favorevolissima fallisce il clamoroso 2-2. Non si è quasi mai nominato Messi: che sia un errore? No perchè La Pulce non si è mai vista ad eccesione di un tiraccio sul fondo a fine primo tempo.


Come di consueto spazio alle dichiarazioni dei due allenatori partendo dal vincente Carlo Ancelotti. Ecco le sue parole ai microfoni di Mediaset come riportato da Tuttomercatoweb.com: "Soffrire in queste partite è normale. Nel complesso il successo è meritato e abbiamo avuto nel secondo tempo molte opportunità per chiuderla. Triplete? Non è finita qua, ma non è facile. A chi dedico la vittoria? Al Real Madrid". Dall'altra parte ecco invece il pensiero di Martino in conferenza stampa: "Ha vinto il Real Madrid e ci congratuliamo con loro per il successo. Non è un moemento felice per noi, è stata una settimana molto dura ma abbiamo l'obbligo di lottare ancora per la lIga. Questa sconfitta si fa sentire perchè le nostre aspettative per la partita di oggi erano molto grandi. Una sconfitta simile è difficile perchè volevamo vincere la coppa".

Il Real Madrid ha vinto la Coppa del Re 2013-2014: primo titolo per Carlo Ancelotti sulla panchina delle merengues che restano in corsa per il Triplete, mentre i blaugrana falliscono un altro obiettivo stagionale. Nel primo tempo segna Di Maria, pareggia Bartra a metà ripresa e sembra che ci si avvii ai supplementari, ma a cinque minuti dal termine Gareth Bale segna un gol pazzesco e porta il trofeo a Madrid. Finisce come nel 2011: anche allora si giocò al Mestalla e si impose il Real, anche se per 1-0 e ai tempi supplementari. Insufficiente oggi il Barcellona: troppo poco per pensare di vincere.

Ripartenza terribile del Real Madrid con un'azione tutta di prima che parte da centrocampo: tocco a sinistra per Benzema che serve in profondità Di Maria, l'argentino in area finta di rientrare sul difensore, sposta invece la palla sul sinistro e trova lo spazio giusto per infilare il diagonale. Pinto va giù ma non si allunga abbastanza: sfiora soltanto il pallone che entra in porta per il vantaggio del Real Madrid.

Il Barcellona sembra non essere incisivo, e invece riesce a trovare il gol nel modo che non ti aspetti: da azione di calcio d'angolo e con un colpo di testa. I blaugrana spingono e guadagnano un corner: da sinistra batte Xavi, parabola che arriva a centro area con Bartra che svetta su compagni e avversari e, godendo di discreta libertà grazie al salto a vuoto di Pepe che doveva marcarlo, impatta benissimo mandando il pallone all'incrocio dei pali alla sinistra di Casillas, che non può fare nulla.

Il Real Madrid passa proprio a cinque minuti dalla fine: fa tutto Gareth Bale, che in assenza di Cristiano Ronaldo ne ricopre il ruolo con una progressione spaventosa. Partenza dalla metacampo, a pizzicare la fascia sinistra: aggirato Bartra con un tocco, poi con grande potenza lascia sul posto il difensore blaugrana e progressivamente si prende l'interno del campo. Entrato in area aspetta l'uscita di Pinto e lo beffa con un tocco di punta anticipando la conclusione e facendogli passare il pallone sotto le gambe.

Alle ore 21,30 di questa sera si gioca Barcellona-Real Madrid, finale della Coppa del Re 2013-2014. Teatro della sfida, il Mestalla di Valencia. E' l'ennesimo capitolo di una grande rivalità, che affonda le sue radici nella storia e tocca aspetti politici, ma che soprattutto, per tifosi e appassionati, è uno spettacolo unico per la qualità e la forza delle due squadre, che hanno sempre lottato per i principali titoli nazionali e internazionali. Non per niente si chiama Clasico: una partita che arriva sempre, che non delude mai, che poco fa ha tenuto incollati agli schermi milioni di telespettatori che hanno assistito a uno spot incredibile per il calcio, un 4-3 a favore dei blaugrana nel ritorno della Liga. Ma tra Barcellona e Real Madrid c'è ben di più: ci sono storie di 5-0 e quindi manite (il Barcellona l'ha realizzata nel 2010), c'è un 4-1 a favore delle Merengues che prima di umiliare i blaugrana sul campo lo fecero camminando lungo la passerella formata dagli avversari, perchè avevano vinto il campionato), ci sono sei finali di Copa del Rey (tre vittorie a testa, l'ultima nel 2011 a Valencia: gol di Cristiano Ronaldo), c'è una semifinale di Champions League vinta dal Barcellona e una invece conquistata dal Real Madrid (nel 2002, anno dell'ultima vittoria europea per le merengues), un 6-2 catalano al Bernabeu, episodi di tensione con Mourinho che mette il dito nell'occhio di Vilanova, e c'è tanto altro. Un parterre di stelle: da Leo Messi a Gareth Bale, da Neymar a Karim Benzema, da Xavi-Iniesta a Modric-Di Maria, da Alexis Sanchez a Isco. Mancherà Cristiano Ronaldo, ed è un gran peccato: il suo problema muscolare gli ha già fatto saltare tre partite e questa è quella che più di ogni altra avrebbe voluto giocare. Salterà dunque la grande sfida con Messi: dal momento in cui il portoghese è arrivato in Spagna il tabellino recita 246 gol in 240 partite per CR7, 271 in 258 per la Pulce. Numeri impressionanti, perchè stiamo parlando di nemmeno cinque stagioni: tuttavia Barcellona-Real Madrid è molto di più, ad esempio la sfida tra Carlo Ancelotti e Gerardo Martino, due allenatori vincenti con stili diversi. Quest'anno il Tata ha sempre vinto, il detto vuole che non ci sia due senza tre ma per la legge dei grandi numeri questa potrebbe essere la volta delle Merengues. L'arbitro sarà Antonio Mateu Lahoz, 37 anni, internazionale dal gennaio 2011. Potrete seguire la partita su Premium Calcio e Premium Calcio HD (canali 370 e 381) con streaming video garantito, e disponibile per tutti gli abbonati in modo gratuito, grazie all'applicazione Premium Play. Telecronaca di Marco Foroni, commento tecnico di Aldo Serena e interventi da bordocampo, comprensivi di interviste, di Nando Sanvito. In studio ricco prepartita a partire dalle 20.45: conduce Massimo Callegari, in studio ci saranno anche Amedeo Carboni e Luis Suarez. Non mancheranno poi gli aggiornamenti dei social network: FC Barcelona e Real Madrid C.F. sono le due pagine che trovate su Facebook, oltre a quella della federazione spagnola (Real Federacion Espanola de Futbol). Altrimenti c'è Twitter: @FCBarcelona e @realmadrid gli account delle due squadre, mentre anche qui c'è il profilo della federazione che è @rfef.

© Riproduzione Riservata.