BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Fed Cup 2014/ Tennis news, l'Italia sconfitta osserva e riflette. Repubblica Ceca-Germania per il titolo

Pubblicazione:

Esulta la Germania: finale di Fed Cup dopo 22 anni  Esulta la Germania: finale di Fed Cup dopo 22 anni

TENNIS FED CUP 2014 - La grande potenza contro la sorpresa. La finale di Fed Cup 2014 sarà Repubblica Ceca-Germania: di fronte un Paese che ha trionfato nel 2011 e 2012 e uno che ha aspettato 22 anni anche solo per essere nuovamente all'ultimo atto. Correva l'anno 1992: la squadra tedesca, con in campo Steffi Graf e l'attuale capitano non giocatore Barbara Rittner, batteva 2-1 la Spagna a Francoforte, in un periodo nel quale il Gruppo Mondiale si giocava in una sola località e servivano due vittorie per portare a casa la coppa. Da allora, il nulla: dal ritiro della Graf, nel 1999, la Germania ha penato per trovare una giocatrice al suo livello, e forse non la troverà più. Ma adesso ha un paio di giocatrici da Top Ten: Angelique Kerber l'ha raggiunta nel maggio 2012 ed è tuttora la numero 7 del ranking WTA, Andrea Petkovic ci è stata a fine 2011 ma poi, tra schiena e caviglia, ha perso quasi tutto il 2012 dovendo ripartire da oltre la centesima posizione. Non è un caso che le tedesche abbiano superato Slovacchia e Australia senza dover mai ricorrere al doppio: sei partite di singolare, sei vittorie. La solidità del team fa pensare che possa arrivare un'altra vittoria, e lo dice anche la cabala: la finale si giocherà in Repubblica Ceca, dunque una trasferta come la Rittner e le sue giocatrici avevano fatto nei quarti e in semifinale. Le ceche, che hanno dominato anche negli anni Ottanta come Cecoslovacchia unita (quattro vittorie e una sconfitta in finale grazie ad Hana Mandlikova ed Helena Sukova), hanno distrutto l'Italia con Petra Kvitova tornata finalmente a far prevalere il suo fisico e la sua potenza sulle avversarie e con Lucie Safarova che ormai ha dimostrato di valere la sua posizione di classifica, se non qualcosa di più. Sarà lotta vera, anche se da qui a novembre tante cose potrebbero cambiare e chissà che non emerga qualche giocatrice degna di una convocazione così importante (per esempio Karolina Pliskova, la più pronta delle due gemelle, o Annika Beck che da tempo è attesa al grande salto e la Fed Cup l'ha già giocata). Per quanto riguarda l'Italia, più che il fattore campo e il valore delle avversarie (comunque da riconoscere), abbiamo pagato il momento: la Fed Cup è una competizione che si gioca lungo tutto l'arco dell'anno, e lo stato fisico e di condizione può cambiare drasticamente. Purtroppo Sara Errani vive da qualche mese una fase involutiva: 


  PAG. SUCC. >