BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Probabili formazioni/ Bayern Monaco-Real Madrid: i protagonisti (Champions League, ritorno semifinali)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

PROBABILI FORMAZIONI BAYERN MONACO-REAL MADRID (CHAMPIONS LEAGUE 2013-2014, RITORNO SEMIFINALE) - E' la partita che può valere una stagione: Bayern Monaco-Real Madrid si gioca domani sera all'Allianz Arena, e vale per il ritorno della semifinale di Champions League (mercoledi Chelsea-Atletico Madrid). Si riparte dal gol di Karim Benzema che ha deciso la sfida di andata: Carlo Ancelotti l'ha chiamato un piccolo vantaggio e ha ragione, ma di fatto le Merengues hanno a disposizione due risultati su tre e si possono dunque permettere di pareggiare, mentre i bavaresi devono necessariamente vincere e attenzione, in caso subiscano un gol dovranno farne tre per centrare la quarta finale in cinque anni (la terza consecutiva). Arbitra il portoghese Pedro Proença. 

QUI BAYERN MONACO - Reduce dal 5-2 al Wolfsburg, il Bayern Monaco ha smesso da tempo di preoccuparsi della Bundesliga; tuttavia sabato pomeriggio c'erano in campo parecchi titolari, perchè i tifosi non hanno preso troppo bene la sconfitta casalinga contro il Borussia Dortmund che ha fatto seguito a quella con l'Augsburg. La possibilità del triplete è ancora in piedi perchè la squadra ha raggiunto la finale della Coppa di Germania, ma Pep Guardiola si trova in una posizione nella quale si è trovato raramente quando guidava il super Barcellona: rimontare uno svantaggio. Gli era riuscito contro l'Arsenal (aveva perso 2-1 all'andata), non ce l'aveva fatta contro Inter (1-3) e Chelsea, che al pari del Real Madrid aveva vinto 1-0 nel proprio stadio. Il rendimento in casa fa ben sperare: 14 vittorie, 1 pareggio e una sconfitta in Bundesliga con 47 gol segnati anche se i gol subiti sono stati 15 in 16 partite (non sono nemmeno pochissimi). In Champions League invece nelle gare casalinghe sono arrivate due vittorie e una sconfitta (contro il Manchester City) nel girone, il pareggio per 1-1 contro l'Arsenal e la vittoria per 3-1 sul Manchester United. In totale14 gol segnati e 5 subiti; l'impresa è chiaramente possibile, anche perchè i giocatori sono tutti a disposizione con la sola eccezione del secondo portiere Starke, del difensore Badstuber e del centrocampista Thiago Alcantara. Sarà ancora 4-2-3-1, con Ribery e Robben sulle corsie a dare man forte a Mandzukic, in mezzo Lahm dovrebbe fare coppia con Schweinsteiger, quindi solo panchina per Muller e Javi Martinez.

QUI REAL MADRID - Le Merengues arrivano dal 4-0 rifilato all'Osasuna: prosegue la marcia verso il sorpasso all'Atletico, i punti in classifica sono 82 contro gli 88 dei Colchoneros, ma Carlo Ancelotti ha una partita in meno che recupera il prossimo 7 maggio. Anche per il Real Madrid è in piedi la possibilità di triplete, con la Coppa del Re già in bacheca; al di là di questo però il vero obiettivo resta la Champions League, che manca ormai da 11 stagioni e sarebbe la tanto agognata Decima. In trasferta però i blancos hanno solo il terzo rendimento nella Liga: hanno vinto 15 partite e ne hanno perse 2, però hanno incassato relativamente poco (14 gol) segnando molto (58). Se in Spagna i numeri e le cifre possono risultare "distorti" dalla superiorità schiacciante delle tre di testa (vale anche per il Bayern Monaco in Germania), in Champions League il Real ha avuto un solo passaggio a vuoto, ovvero lo 0-2 sul campo del Borussia Dortmund che solo per buona sorte non si è trasformato in qualcosa di peggio. Tuttavia Ancelotti ha già mostrato di saper tenere testa all'ubriacante possesso palla del Bayern, perchè la sua impostazione tattica "all'italiana" è molto efficace quando si tratta di chiudere gli spazi, anche se poi per struttura della squadra e giocatori qualcosa si concede sempre. La bella notizia è che comunque sia Bale che Cristiano Ronaldo stanno bene: questo dovrebbe riportare Di Maria in mezzo al campo, traghettando Isco verso la panchina. Sempre fuori per infortunio Arbeloa, Khedira e Jesé Rodriguez.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.