BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Probabili formazioni/ Valencia-Siviglia: le ultime novità (Europa League, semifinale ritorno)

(INFOPHOTO)(INFOPHOTO)

Naturalmente Unai Emery sa bene cosa aspettarsi dal Valencia: ha allenato al Mestalla per quattro stagioni. In più ha visto cos'è successo nel turno precedente: "Meritano rispetto, noi giocheremo come se fossimo sullo 0-0. Hanno già rimontato una volta; dovremo scendere in campo uniti e con grande fiducia, la partita dovrà essere perfetta perchè il Valencia ha un pubblico fantastico. Sappiamo quali sono le nostre capacità e abbiamo un certo vantaggio". Scelte di formazione che puntano sul 4-2-3-1 con cui il Siviglia ha vinto 2-0 all'andata: davanti a Beto giocheranno Pareja e Fazio come centrali, con Coke e Fernando Navarro sugli esterni. Mbia e Carriço si occuperanno della cerniera e centrocampo, poi la trequarti piena di qualità e con giocatori che sanno come segnare: a destra José Antonio Reyes, ex di Real Madrid e Arsenal e tornato a misurarsi al Sanchez Pizjuan dove era cresciuto per poi esordire in prima squadra (cinque anni con 21 gol in campionato). Al centro Ivan Rakitic, il capitano, ex Schalke 04 e ormai uno dei migliori trequartisti in Europa anche se passa sempre sotto traccia. A sinistra Vitolo, classe '89, preso quest'anno dal Las Palmas. Il pezzo pregiato è comunque davanti: Carlos Bacca, attaccante colombiano che sarà protagonista del prossimo Mondiale: 21 gol in stagione, 6 in Europa League. 

L'arma segreta che si alza dalla panchina è Kevin Gameiro. Nel PSG era chiuso dai grandi attaccanti, con l'arrivo di Zlatan Ibrahimovic giocava sempre meno; è arrivato a Siviglia dove si è ritrovato, segnando 21 gol in 46 partite (6 in Europa League). Entra spesso a gara in corso: è successo in 20 occasioni, quasi la metà. Riesce quasi sempre a cambiare l'inerzia della gara e il Valencia dovrà fare molta attenzione ai suoi movimenti ad allargarsi. Può dire la sua Marko Marin, in prestito dal Chelsea: gran talento, qualche infortunio di troppo ne ha bloccato la crescita che sembrava esplosiva ai tempi del Werder Brema. Da tenere d'occhio anche il diciassettenne attaccante Carlos Fernandez, mentre a centrocampo potrebbe risultare utile l'apporto di Vicente Iborra e del veterano tedesco Piotr Trochowski, salito agli onori della ribalta quando giocava in patria con la maglia dell'Amburgo.

Unai Emery deve fare a meno di due giocatori: il centrocampista di 20 anni Sebastian Cristoforo, uruguayano con passaporto italiano, si è rotto il crociato a metà marzo e la sua stagione è finita in anticipo. Fuori anche Denis Cheryshev, russo del 1990 il cui cartellino è di proprietà del Real Madrid: appena 5 partite in stagione (3 entrando dalla panchina), è stato fermo da metà agosto a fine settembre, poi ancora fino a fine gennaio (infortuni muscolari alla coscia) e a metà aprile si è fratturato le dita dei piedi. Sfortunatissimo, il Siviglia potrebbe decidere di prolungarne il prestito anche per la prossima stagione.