BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Probabili formazioni/ Chievo-Verona, i protagonisti: le ultime novità (serie A, 32esima giornata)

Il Chievo festeggia la vittoria nel derby d'andata (Infophoto)Il Chievo festeggia la vittoria nel derby d'andata (Infophoto)

 Alle ore 18 di domani sera si gioca Chievo-Verona, partita valida per la 32^ giornata del campionato di Serie A 2013-2014. E' il derby, il quinto di una stagione nel quale si è battuto il record per numero di stracittadine nel massimo campionato; sfida che sfugge a qualunque logica di classifica, come dimostrò molto bene la gara di andata che il Chievo vinse 1-0 con un gol di Lazarevic nei minuti di recupero, dopo che il Verona aveva centrato 6 vittorie in 6 partite casalinghe. Ad ogni modo il Chievo arriva a questa sfida con 27 punti (al momento salvo) mentre l'Hellas ha 43 punti e ha solo 4 lunghezze da recuperare per il sesto posto che qualifica ai preliminari di Europa League. Arbitra Tagliavento.

 I 10 gol di Alberto Paloschi stanno per il momento facendo la differenza rispetto ad altre squadre coinvolte nella corsa per la salvezza; e soprattutto danno una grossa mano al Chievo nel superare tutte le difficoltà dimostrate dai numeri della stagione. Incredibile a dirsi, i Mussi sono ultimi in tutte le voci statistiche esclusa quella della percentuale dei passaggi riusciti, nella quale per un singolo decimo di punto percentuale tengono dietro il Catania: possesso palla, tiri nello specchio della porta (3,6 a partita), numero di palle giocate, supremazia territoriale (poco più di 8 minuti) e pericolosità (38,2%), tutte queste classifiche vedono la squadra di Eugenio Corini guardare le 19 squadre di Serie A dal basso verso l'alto. Eppure, nella classifica che conta davvero ci sono quattro formazioni più sotto, cosa che al momento salverebbe i veneti; il segreto sta nella solidità difensiva e nell'organizzazione di una squadra che non avendo troppe armi in attacco punta tutto sul far giocare male l'avversario e ripartire, pratica nella quale riesce molto bene. Ci proverà anche contro il Verona: dopo cinque partite dovrebbe tornare titolare Cyril Thereau, che affianca Paloschi davanti. Hetemaj dietro le punte e Guarente a centrocampo, torna Guana in mediana mentre è squalificato Nicolas Frey, "beccato" dalla prova tv a scalciare Balotelli e fermato per tre giornate dal Giudice Sportivo.

 Andrea Mandorlini come lo scorso anno ha puntato tanto sulla fase offensiva; lo dimostrano i numeri che vedono il Verona in costante trazione anteriore, con il dodicesimo dato del torneo per possesso palla e l'undicesimo per pericolosità (46%). Tuttavia la Serie A non è il campionato cadetto: i limiti nella fase difensiva sono emersi in tutta la loro potenza ed è incredibile che una squadra che ha realizzato 46 reti e sia a tutt'oggi in orbita Europa League abbia una differenza reti in negativo (46 fatti, 52 subiti). Rafael Andrade è il portiere in assoluto più sollecitato della Serie A: difficile centrare grandi obiettivi quando è così, ma il Verona finora ha sempre dimostrato di poter fare grandi prestazioni offensive ed è con la potenza dell'attacco (ci sono i 15 gol di Luca Toni) che ha costruito una salvezza con largo anticipo e adesso punta con decisione il sesto posto. Per il derby è squalificato Albertazzi, espulso contro il Genoa la scorsa domenica; potrebbero recuperare Juanito Gomez e Alejandro Gonzalez dai loro problemi, entrambi però paiono destinati alla panchina con Marquinho, che sta aumentando il suo contributo nel tridente offensivo, e Moras che sono destinati a giocare in quelle posizioni. Torna Romulo dalla squalifica, si va invece verso la conferma di Donadel come regista davanti alla difesa, con Hallfredsson sul centrosinistra.

© Riproduzione Riservata.