BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Probabili formazioni/ Inter-Bologna, i protagonisti: le ultime novità (serie A, 32esima giornata)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

PROBABILI FORMAZIONI INTER-BOLOGNA (SERIE A 2013-2014, 32^ GIORNATA): LE NOTIZIE ALLA VIGILIA - Alle ore 20,45 di domani sera lo stadio Giusppe Meazza di Milano ospita Inter-Bologna, anticipo della 32^ giornata del campionato di Serie A 2013-2014. Per i nerazzurri si tratta innanzitutto di spezzare una "maledizione" che nelle ultime due stagioni ha portato a due sconfitte casalinghe in campionato contro i felsinei, inframmezzate dal 3-2 di Coppa Italia; la squadra di Walter Mazzarri punta a confermare il quinto posto e provare magari a prendersi il quarto della Fiorentina, ma serve un cambio di passo dopo tre partite nelle quali sono arrivati 2 punti. Il Bologna, con 26 punti, vuole salvarsi e se il campionato finisse oggi ce l'avrebbe fatta; mancano invece sette giornate al termine e il vantaggio sul Livorno terzultimo è di appena un punto. Arbitra Mazzoleni.

QUI INTER - Rispetto a quanto fatto vedere nei quattro anni di Napoli, Walter Mazzarri ha costruito un'Inter che fa molto più possesso palla e occupa maggiormente la trequarti avversaria; in termini di supremazia territoriale i nerazzurri hanno una media di 13 minuti e 42 secondi a incontro e non hanno rivali in Serie A (il possesso palla è il quarto del torneo, superiore anche a Juventus e Napoli). Il punto è questo: l'Inter crea, ma non concretizza. Tira 5,5 volte nello specchio della porta ma i gol realizzati sono 49 in 31 partite, cioè meno di due a incontro. E' un'anomalia, o meglio: il problema risiede nella scarsa vena degli attaccanti ed evidentemente in una manovra avvolgente che però non è troppo fluida e non genera sempre dei tiri ad alta percentuale. Certo si sta lavorando sulla cosa, ed è sempre meglio così che avere un gruppo che non costruisce nulla; ma poi si guarda la classifica e si nota che rispetto al terzo posto del Napoli i punti di ritardo sono 15. Ad ogni modo Mazzarri può schierare sostanzialmente tutti i suoi titolari domani sera: restano in dubbio Jonathan per l'affaticamento all'adduttore e Campagnaro che ha un problema al polpaccio. Il secondo potrebbe farcela almeno per la panchina, il primo addirittura dovrebbe essere in campo lasciando così fuori D'Ambrosio. Rientra Cambiasso dopo la panchina dello scorso lunedi, dentro con tutta probabilità anche Ranocchia (gli fa spazio Samuel).

QUI BOLOGNA - Il Bologna è ovviamente una squadra che fa molta fatica a costruire gioco: partito Alessandro Diamanti che era l'uomo incaricato di inventare e alzare il baricentro, certi numeri dei felsinei sono decisamente crollati. Solo tre squadre fanno peggio in termini di possesso palla, il quale a volte si rivela anche non troppo preciso (60,1%); la supremazia territoriale è di meno di 9 minuti a partita, come pericolosità soltanto Catania e Chievo sono inferiori. Tuttavia il Bologna tira in porta, in proporzione, in maniera accettabile: 4,4 conclusioni a partita trovano lo specchio della porta, e questo naturalmente può essere un fattore importante per la salvezza. Resta comunque il fatto che i gol (24) sono pochini; il capocannoniere è Panagiotis Kone, che ha segnato appena 4 reti in tutto il campionato e peraltro non festeggia da una vita. Sarà comunque il greco a supportare Acquafresca nel 3-5-1-1 scelto da Ballardini; l'unico indisponibile è Della Rocca, ancora una volta Christodoulopoulos fa l'interno sul centrosinistra con Garics e Morleo a spingere sulle fasce e Krhin deputato all'impostazione della manovra.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.