BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni/ Cagliari-Roma: ultime notizie, i protagonisti (Serie A, 32^ giornata)

Foto Infophoto Foto Infophoto

Gli isolani in casa hanno ottenuto 7 vittorie (sulle 7 stagionali), 4 pareggi e 5 sconfitte; hanno realizzato 22 gol subendone 23. I 32 punti fanno stare abbastanza tranquillo Diego Lopez, che però dopo la sconfitta di Torino ha parlato di obiettivo ancora da raggiungere. La Roma è un avversario duro per tutti, ma il Cagliari può irretire i giallorossi attraverso un possesso palla di qualità, il settimo per numero di palloni giocati e il nono per positività dei passaggi (65,3%). Anche la supremazia territoriale è buona: praticamente 10 minuti a partita nella metacampo avversaria, il che significa che gli isolani non sono squadra da farsi intimorire da un avversario più blasonato; tuttavia la pecca resta la scarsa concretezza dai 16 metri in avanti, perchè i tiri nello specchio della porta sono meno di 4 a incontro e in Serie A soltanto il Chievo fa peggio, e la pericolosità si abbassa rispetto a quanto creato. Sta venendo a mancare il contributo dell'attacco: Sau e Pinilla lo scorso anno avevano realizzato 19 gol in due, quest'anno sono fermi a 10 e lo stesso Ibarbo ha segnato tre sole reti. Lopez insiste con il 4-3-1-2 ma come titolare sceglie Nené; dietro al brasiliano e a Ibarbo agirà Vecino, così da avere la solita mediana di quantità con Ekdal e Dessena a proteggere il grande ex Daniele Conti. Squalificato Rossettini, al suo posto gioca Del Fabro. Fuori causa anche Sau. 
La vittoria sul Parma permette ai giallorossi di crederci: la Juventus non è lontanissima, certo l'impresa rimane complicata ma arrivati a questo punto sarebbe un peccato mollare e accontentarsi di un secondo posto che è ormai fatto. Rudi Garcia tiene alta la concentrazione spingendo i suoi a guardare davanti e non dietro: le cinque vittorie consecutive fanno pensare che si possa ripetere la striscia di inizio stagione e provare ad arrivare allo scontro diretto con 2 punti di ritardo come obiettivo minimo, quindi con il sorpasso in vista a prescindere dalla differenza reti che ne scaturirà (all'andata la Juventus ha vinto 3-0). I numeri dicono che la Roma è una squadra dominante: è quella che gioca il maggior numero di palloni e con la miglior percentuale (73,4%) ed è seconda per tiri nello specchio della porta e pericolosità.  Fa sempre la partita insomma, non lasciando respiro alle avversarie e ripartendo alla grande grazie al contributo di Gervinho. Unica pecca: a volte la concretizzazione non è pari alla mole di gioco creata, e il turnover non è così ampio da garantire sempre brillantezza, tanto più che Strootman è fuori dai giochi e a centrocampo giocano sempre gli stessi. Tuttavia Nainggolan rientra dalla squalifica e sarà prezioso contro la sua ex squadra, mentre in attacco dovrebbe avere la meglio Florenzi su Totti che ha giocato mercoledi e potrebbe non avere i novanta minuti nelle gambe. 

© Riproduzione Riservata.