BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pugni di Parole/ La rubrica di Rai Sport indaga le 'fughe', da Mennea a Zatopek

Rai Sport, la rubrica 'Pugni di parole' propone martedì 8 aprile una puntata su "L'arte della fuga", dall'agente segreto fuggito dalla Cambogia a due leggende come Mennea e Zatopek

Pietro Mennea (Infophoto) Pietro Mennea (Infophoto)

Martedì 8 aprile, RaiSport 1 propone alle ore 21.40 il secondo appuntamento con 'Pugni di Parole', la nuova rubrica del canale tematico sportivo della Rai (numero 57 del DTT) a cura di Marco Franzelli e condotta da Andrea Fusco. Il tema della puntata sarà: “L'arte della fuga”, che sarà sviluppato attraverso le storie che verranno presentate. Il conduttore presenterà in apertura la storia dell'agente dei servizi segreti italiani Kasper, che ha vissuto per 373 giorni l'inferno della prigionia in Cambogia, vicenda narrata dallo stesso protagonista nel libro, 'Supernotes', scritto a quattro mani con Luigi Carletti ed edito da Mondadori. Kasper racconterà come sia riuscito a fuggire dalla prigionia e come vive oggi la sua perenne condizione di uomo in fuga, costretto a rinunciare alla sua identità. Per la sua alta formazione professionale Kasper rivelerà inoltre – ci informa un comunicato ufficiale della Rai – dei suoi duri allenamenti, che lo hanno forgiato e trasformato in una macchina perfetta. A seguire, ci saranno altri temi più prettamente sportivi, sempre relativi al concetto della fuga. Il programma proporrà infatti un ritratto di Pietro Mennea attraverso le parole della moglie, Manuela Olivieri, e delle immagini del film '19 e 72': la storia del leggendario campione di atletica, campione olimpico e a lungo detentore del record del Mondo, la 'Freccia del Sud', fuggito dalla sua Barletta per inseguire il sogno impossibile della velocità. Andrea Fusco proporrà poi la storia di Emil Zatopek, gloria della Cecoslovacchia chiamato la 'Locomotiva umana', simbolo dei Giochi di Helsinki 1952, dove vinse nell'arco di una settimana tre medaglie d'oro, tre fughe epiche nei 5000 metri, nei 10.000 metri e nella maratona. Sulla scia della storia di Zatopek, il "Campione partigiano", un libro di Valerio Piccioni sulla vita e sulle imprese di Manlio Gelsomini, velocista negli anni '30, capace di correre i 100 metri in 11 secondi netti, che fini torturato in via Tasso e ucciso alle Fosse Ardeatine. Arricchiranno la puntata citazioni letterarie dedicate al tema della fuga di poeti e scrittori come Vinicius De Moraes, Henry Laborit e Alessandro Manzoni.

© Riproduzione Riservata.