BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Inter-Lazio (4-1): i voti della partita (serie A 37esima giornata)

Javier Zanetti (Infophoto)Javier Zanetti (Infophoto)

Handanovic 8: sul primo gol non ha nessuna colpa dopo di che parte con il suo show personale. Cinque interventi che valgono ognuno un gol per rendere la serata interista ancora più magica.

 

Samuel 7: uno dei festeggiati che lascerà l’inter l’anno prossimo. Gioca una gara superlativa al centro della difesa. Di testa i palloni sono tutti suoi e guai a chi prova a mettersi in mezzo.

 

Rolando 7: il più duttile della difesa di Mazzarri che può giocare in qualsiasi delle tre posizioni. Fa partire l’azione del terzo gol e in più occasioni si ritrova ad impostare il gioco da dietro.

 

Ranocchia 6: perde Cana sul primo gol, poi non compie più grosse imprecisioni. Ha il compito più duro, quello di marcare il giovane e vivace Keita e ci riesce senza grossi problemi.

 

Kovacic 8,5 (il migliore): la migliore prestazione della giovane promessa da quando è arrivato in Italia. I due assist per Palacio e Icardi sono degli incantesimi che lasciano a bocca aperta gli ottantamila venuti questa sera allo stadio.

 

Hernanes 7,5: si regala il gol contro la sua ex squadra nel momento più difficile della partita. Kovacic è il suo partner ideale con cui più riesce a sfruttare le sue doti tecniche.

 

Kuzmanovic 6,5: non sfigura in mezzo al galà di campioni. Fa legna in mezzo al campo facendo il lavoro sporco al posto dei compagni più tecnici.

 

Nagatomo 7: sempre presente e dinamico sulla fascia sinistra, spina del fianco della difesa neroazzurra. È suo l’assist per il terzo gol che chiude la partita.

 

Jonathan 6: non si propone con le solite accelerazioni e si limita alla fase difensiva aiutando Ranocchia a contenere Keita e i giovani giocatori laziali.

 

Palacio 7,5: doppietta e ultima partita stagionale perché diffidato salterà la prossima. Annata positiva per il trenca che raggiunge quota 17 gol stagionali.

 

Icardi 7: segna il gol del sorpasso su assist di kovacic. È il futuro e molti si augurano l’erede del Principe. Questa prima stagione ha dimostrato le potenzialità, adesso sta a lui.

 

Milito 10: lascia l’inter anche l’eroe del triplete. Non lascia il segno nella partita, ma si consola avendolo lasciato nel cuore dei tifosi interisti. Serata indimenticabile anche per lui.

 

Zanetti 10: il voto è per la carriera, i 19 anni con la maglia dell’Inter e tutto l’impegno e la passione che ci ha messo e a noi a trasmesso sia sul campo che fuori. Il numero 4 è sacrosanto ritirarlo, impossibile trovare un giocatore come lui. ZANETTI4EVER.