BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Inter-Lazio (4-1): i voti della partita (serie A 37esima giornata)

Pubblicazione:sabato 10 maggio 2014 - Ultimo aggiornamento:sabato 10 maggio 2014, 23.41

Javier Zanetti (Infophoto) Javier Zanetti (Infophoto)

Berisha 6: Il portiere laziale ha ben poche colpe sui 4 gol degli avversari. Le palle di kovacic mandano gli attaccanti uno contro uno sui quali può farci poco niente.

 

Dias 5,5: fatica a reggere l’urto fisico degli attaccanti argetini. Di testa dovrebbe prenderle tutte, ma spesso viene anticipato senza giustificazioni.

 

Cana 5: un vero disastro; il  secondo gol ne è l’esempio: si fa aggirare facilmente da Icardi con una palla rasoterra. Ogni volta che lo puntano in velocità si trova in affanno e ha bisogno di un rinforzo.

 

Biava 6: in mezzo a due cadaveri e con gli attaccanti del cagliari in super forma fa quel che può. Limita i danni e segna il gol in apertura che da una vana speranza per raggiungere l’Europa League.

 

Gonzalez 5: quando ha la palla tra i piedi trema tutto il centrocampo biancoceleste. Imprecisa e senza logica la sua partita. Cerca di rimediare con qualche tiro da lontano, ma peggiora solo la situazione.

 

Pereirinha 6: decisione e fermezza nel cuore del centrocampo. Si spinge anche in avanti e serve buoni palloni mal sprecati dagli attaccanti.

 

Biglia 6,5 (il migliore): il migliore in campo per la squadra di Guidolin. Gli si affida il pallone sperando possa fare qualcosa di importante, ma non venendo supportato finisce che si spegne anche lui.

 

Onazi 5: dovrebbe essere il perno del centrocampo su cui riparte tutta la squadra. Perde pallone ed è frettoloso nelle conclusioni.

 

Klose 4,5: è qualcosa di inguardabile. Dovrebbe garantire spinta e qualità, ma l’unica cosa che sa fare è buttare il pallone il curva.

 

Keita 5: giovane e ancora un pizzico inesperto. Dopo le ultime due prestazioni in cui ha stupito un po’ tutti a Milano non riesce ad essere così concreto. Non esiste l’intesa con Klose oggi.

 

Felipe Anderson 5,5: gioca ad intermittenza e alterna grandi giocate con minuti di vuoto cosmico. Potrebbe essere decisivo se iniziasse a giocare con i compagni. Testardo si abbatte contro il muro neroazzurro.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.